Servizi Economia e società

Cavallino Treporti, tensioni nelle spiagge: “troppe incertezze”

Il 26 aprile non è una data certa se poi le spiagge vengono aperte il 15 maggio e le frontiere rimangono chiuse. Anche i parchi divertimento legati al turismo rimangono chiusi. La tensione nel settore turistico cresce

“Cavallino-Treporti, vista la tipologia di attività completamente all’aria aperta, è la nostra “isola” covid-free”. La più grande realtà d’Europa per il turismo plein air (la cittadina balneare conta 28 campeggi, nessuno così nel Vecchio Continente) si pone ancora una volta tra le mete turistico-balneari preferite da turisti, forte delle sue caratteristiche, che la pongono in cima alle preferenze soprattutto in questo momento ancora di massima attenzione.

Riapertura campeggio Cavallino-Treporti

“La vacanza balneare nel senso più ampio è la vacanza all’aria aperta e, di conseguenza, siamo pronti ad ospitare chi vorrà raggiungere le nostre strutture. Ricordo che, nel 2020, abbiamo realizzato circa 2milioni e 700mila presenze (solo nel comparto turismo all’aria aperta) e non ci risulta alcun caso di contagio da Covid-19.

La caratteristica della nostra vacanza, il fatto che abbiamo rispettato i protocolli alla lettera, ha consentito questo grande risultato” commenta il presidente di Assocamping, Francesco Berton.

Come soggiornare

Ora si guarda all’imminente riapertura della stagione. Sebbene la soddisfazione di una data certa – il 15 maggio- rimangono degli interrogativi sugli spostamenti e sui protocolli inerenti all’accoglienza e alla gestione dei turisti. “La prima e più semplice considerazione che ci stiamo facendo  è legata proprio alla data, che corrisponde alle festività di Pentecoste, molto cara ai turisti di lingua tedesca: ci si potrà muovere all’interno dell’Unione Europea? E, nel caso, a quali condizioni?” si domanda Berton.

Altro punto ancora poco chiaro e sul quale Assocamping chiede di avere risposte quanto prima: il cosiddetto “green pass”. “Sarà sufficiente un tampone per capire se un ospite è negativo e, quindi, può arrivare in struttura, oppure saranno messi altri paletti? Questo è importante capirlo e ce lo chiedono i nostri ospiti, perché le prenotazioni per quel periodo ci sono e non si registrano cancellazioni. E’ evidente come i nostri stessi ospiti stiano attendendo dei chiarimenti in merito”.

Prenotazioni per luglio e agosto

“Stiamo registrando delle ottime risposte: c’è voglia di vacanza ed è testimoniato dalle prenotazioni. Da parte nostra siamo pronti ad accogliere i nostri ospiti, con la certezza che, oltre alla consueta ospitalità, troveranno il massimo rispetto dei protocolli, per una vacanza in sicurezza da ogni punto di vista”.

Per il presidente di Assocamping, Berton, importante è il gioco di squadra che si sta facendo ad ogni livello, a cominciare dalle amministrazioni comunali. “Grazie allo sforzo dei sindaci della costa veneta e di tutte le categorie che rappresentano il settore del turismo, siamo arrivati a un’importante risultato.

Probabilmente è giunto forte il messaggio, anche a livello governativo, che noi abbiamo bisogno di date per poter programmare le nostre attività, che non possono essere aperte da un giorno all’altro. Queste certezze danno a noi la possibilità di programmare e garanzie alle migliaia di lavoratori stagionali, che grazie all’impiego in questo comparto vivono tutto l’anno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button