Obiettivo Salute

Vitamine C e D: perchè sono importanti? Parla la nutrizionista

Francesca Marcon, biologa nutrizionista, ci parla dell'importanza delle vitamine C e D, e della loro quantità di assunzione.

Francesca Marcon, biologa e nutrizionista, applica i principi della metabolomica per ottenere la migliore salute possibile del corpo umano. La biologa nutrizionista, ospite ad Obiettivo Salute parla dell’importanza delle vitamine e in particolare della vitamina C e D.

Le vitamine C e D

“Il nostro corpo è un’insieme di reazioni, un laboratorio. Ci sono delle catene di montaggio e ogni operaio esegue il suo passaggio.

Ad oggi sono note 166 sostanze per il corretto funzionamento dell’organismo, quindi la sola assunzione di vitamina D e C non è che può portare a tanto beneficio. Sicuramente queste due vitamine sono importanti ma non sono sufficienti se assunte da sole.

Bisognerebbe affiancare il multi-vitaminico più completo possibile, che contenga tutta la gamma di vitamine, minerali e aminoacidi che il nostro corpo necessita. Aggiunto a ciò, anche una dose superiore di vitamina C e D.”

La vitamina C

“Secondo Linus Pauling, che è stato premio nobel della medicina, e ha fatto tanti studi sulla vitamina C, la quantità ottimale di vitamina C da assumere è tra i 2 e i 5.000 mg al giorno.

Se andiamo ad assumere una dose in eccesso di vitamina C per il nostro organismo, potremmo avere degli effetti collaterali che di solito si verificano a livello intestinale. Però a parte questo non ci sono altri effetti.”

La vitamina D

“Per quanto riguarda la vitamina D, se ne sente parlare tantissimo negli ultimi anni, in quanto serve per tantissime funzioni: per la prevenzione di qualsiasi tipo di tumore, per rafforzare il sistema immunitario, la prevenzione della sclerosi multipla, la pressione alta e altre funzioni.

Ci sono diversi tipi di vitamina D, c’è la vitamina D3  che dovrebbe essere assunta maggioramene rispetto alla vitamina D2, che è meno efficace per il nostro corpo.

Se assunta in eccesso, la vitamina D, si trasforma in due sostanze inattive e non è di per sé qualcosa di dannoso. Invece il rilascio eccessivo di calcio nel sangue e calcificazioni all’interno dei vasi dell’organismo, può risultare un problema.

Bisognerebbe assumere ogni 10.000 unità al giorno di vitamina D, 100 microgrammi di vitamina K2 e in questo modo si bilancia questo aspetto.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button