Fincantieri lancia l’allarme. Cresce ad un ritmo del 10% l’anno, ma rischia una battuta d’arresto perché non riesce a trovare cinque-seimila lavoratori e li deve assumere nei prossimi tre anni.

È stato l’amministratore delegato di Fincantieri, Giuseppe Bono, a tornare sull’argomento spinoso del lavoro manuale che non piace alle nuove generazioni.

Mancano soprattutto carpentieri e saldatori, mestieri usuranti, ma di alta specializzazione che consentono di partire da una paga base di 1600 euro. Ma con le indennità rischio alta specializzazione si arriva anche a cinquemila euro al mese.

Nulla a che vedere, ha sottolineato Bono, con i 500 euro mensili racimolati dai rider con le consegne del cibo a domicilio.

L’offerta proposta da Fincantieri

I ragazzi che scelgono questa professione arrivano a prendere 5 euro all’ora, inclusi i contributi, ma tendono ad abbandonare dopo qualche mese per qualcosa di meglio, che probabilmente non è rappresentato però, dal lavoro del saldatore.

In Italia in questo momento si conta ci siano almeno diecimila i ragazzi che consegnano il cibo a domicilio.

Non è la prima volta che l’amministratore delegato della Fincantieri mette il dito sulla piaga. Questa volta lancio un invito ai genitori ad invogliare i figli.

Non la pensa così la Fiom Cgil che ha suggerito a Fincantieri di cercare tra i lavoratori che lavorano in appalto e in subappalto, spesso pagati con meno di 1600 euro al mese e che in questi anni hanno acquisito una certa specializzazione.

La replica non si è fatta attendere. Il gruppo ha precisato le 5 sei mila persone sono necessarie all’indotto che in Italia raggiunge in questo momento le 40 mila persone.

Fincantieri ha già assunto 525 persone, ha detto in una nota il gruppo, e ne assumerà altre nei prossimi tre anni, ma non rinuncerà all’appalto.

Le figure richieste sono oltre ai saldatori, elettricisti, meccanici di bordo, motoristi, arredatori, molatori, pittori ed anche ingegneri ed architetti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here