Servizi Economia e società

Il Calzaturiero Veneto punta sui giovani al Micam di Milano

In fiera a Milano, l'edizione settembrina del Micam ha presentato le calzature che porteremo nella stagione primavera estate 2023

Maestri calzaturieri della Riviera del Brenta protagonisti del Micam, il salone internazionale della calzatura che si è appena svolto a Milano. Accanto ai professionisti del settore c’era però anche un folto gruppo di giovani, gli allievi del Politecnico Calzaturiero Veneto, che da quasi cent’anni forma e prepara tecnici e designer della calzatura

Per chi si occupa di scarpe il Micam ovvero il salone internazionale della calzatura è l’evento in assoluto più importante, punto d’incontro per operatori da tutto il mondo, crogiolo di tendenze innovative. In fiera a Milano, l’edizione settembrina del Micam ha presentato le calzature che porteremo nella stagione primavera estate 2023.

I giovani talenti del Calzaturiero Veneto

Una moda gioiosa, funzionale e responsabile che sempre di più è affidata a giovani talenti, come gli studenti del politecnico calzaturiero della riviera del Brenta, un’istituzione che da quasi un secolo forma le maestranze di uno dei settori trainanti dell’economia veneta. Per gli studenti del corso di fashion shoes coordinator, il Micam rappresenta dunque un’importante esperienza di crescita professionale.

Calzaturiero Veneto: le parole dei ragazzi

“Il corso è sviluppato in 600 reti- spiega Federico Cassaro, studente del Politecnico Calzaturiero- in classe dove ci vengono spiegate da professori che lavorano nell’ambito e 400 ore di stage. Questo viene ripetuto per 2 anni, dopodiché abbiamo un esame finale che ci consegnerà un attestato di Fashion Shoes Coordinator.” Un altro studente Edoardo Zampieri racconta invece: “La mia ispirazione è quella di diventare uno stilista. Da sempre amo disegnare, ho tante idee da mettere in pratica e grazie al politecnico riuscirò a metterle su carta.”

“Il Politecnico da otto anni ha introdotto oltre le calzature la realizzazione di borse. Quindi partiamo dal disegno fino ad arrivare al prodotto finito “queste le parole di Silvia Nevola, studentessa del Politecnico Calzaturiero. Un’altra studentessa, Valeria Seneca, aggiunge: “Mi piacerebbe molto trasmettere la passione della calzatura anche agli altri. Se vi piace anche iniziare a lavorare presto o trovare lavoro facilmente sappiate che il Politecnico Calzaturiero vi dà questa opportunità”.

La presenza del politecnico calzaturiero e del consorzio Maestri Calzaturieri del Brenta presso l’info point della regione Veneto, erano parte del progetto promosso da Camera di Commercio di Venezia Rovigo, in collaborazione con Venicepromex per la partecipazione del Sistema Veneto al MICAM Milano.

Le parole del calzaturificio Barbato

Al Salone erano presenti 44 imprese venete, 15 di queste appartenenti al Distretto della Riviera del Brenta, specializzato nella calzatura di lusso. Ne è un bell’esempio il calzaturificio Barbato, 60 anni di attività e utile palestra per i giovani che vogliono intraprendere questo mestiere

”Produciamo scarpe eleganti di lusso e cerchiamo di continuare questa tradizione che ha iniziato mio padre. Siamo tre fratelli e siamo associati con Assocalzaturifici e quindi anche con l’Acrib. Al Politecnico calzaturiero collaboriamo da anni facciamo sia stage con il Politecnico dove molto spesso poi vengono confermati e vengono assunti. Per noi è una fonte positiva e interessante soprattutto in questi tempi in cui è difficile reperire il personale specializzato.”

E allora non resta che aspettare le prossime edizioni del MiCam per ammirare le creazioni di questi aspiranti maestri calzaturieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button