Si è chiusa con un arresto in Bulgaria l’operazione condotta dalla polizia Fake bus che ha portato a smantellare una banda specializzata nel furto di bus turistici nel veneto Orientale.

Arrestato il quarto ladro, di una banda che in due anni ha rubato 7 bus turistici nel Veneziano. I delinquenti, a partire dal 2017, avevano messo a segno il furto di 7 autobus, di cui 4 poi recuperati dalle forze dell’ordine: cinque erano stati rubati tra Jesolo e Noventa, mentre due in Slovenia, poi recuperati nella città sul Piave.

Erano stati controlli incrociati a permettere di individuare il primo ladro, trovato in possesso di chiavi di mezzi di valore e subito associato ai furti di pullman denunciati nell’area del Veneto orientale.

A essere presi di mira erano autobus che trasportavano comitive di turisti, che raggiungevano gli hotel (non solo nel Veneziano, ma anche in Slovenia) e lì venivano parcheggiati. I ladri entravano in azione nella notte, li portavano via e li nascondevano provvisoriamente in luoghi sicuri, per poi portarli oltreconfine.

In un caso due autobus, rubati in Slovenia ad una ditta del luogo, erano stati trovati in un parcheggio a Noventa di Piave. In un’altra occasione è stato appurato che dai pullman erano state rimosse le serigrafie originali per sostituirle con nuovi adesivi. Oltre ai mezzi trafugati sono state sequestrate anche due auto, che venivano utilizzare per fare la staffetta e scortare i bus rubati, oltre a diverse carte di circolazione, targhe false e attrezzatura illecita per l’apertura e messa in moto degli autobus.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here