Servizi Cronaca

Bolletta del gas in ottobre: oltre il 70% di aumento

E' ufficiale: nel mese di ottobre la bolletta del gas aumenterà di oltre il 70% e ora gli utenti dovranno capire come districarsi nell'uso dell'energia dopo che per la corrente elettrica l'aumento sarà del 60%. Oltre agli speculatori a guadagnarci in questo momento è l'industria cinese. Il perchè nel servizio

Nel mese di ottobre la bolletta del gas aumenterà del 74%. Il dato è stato diffuso da ARERA, l’autorità per l’energia, nel suo sito, e dunque è ufficiale.

Metodi di riscaldamento alternativi

Dopo l’annuncio di un aumento del costo dell’energia elettrica per i prossimi 3 mesi del 60%, ora anche la batosta riguardante il gas, e ricordiamo che per quest’ultimo il prezzo varierà di mese in mese e non sarà ogni trimestre come per la luce.

I consumatori, a giudicare dalla corsa all’acquisto di stufette, coperte elettriche, borse dell’acqua calda e pompe di calore ad aria, i più almeno per il mese di ottobre, periodo non freddissimo, contano di non accendere le caldaie.

L’Italia e il Veneto in questi giorni hanno registrato un aumento delle importazioni del 75% di caloriferi elettrici di basso costo dalla Cina, e si sono impennate le vendite anche dell’abbigliamento termico nei negozi sportivi.

L’iniziativa dell’Enel

Gli utenti che pensano di ripiegare sull’elettrico però tengano conto che l’Enel ha avviato una campagna per incentivare al risparmio energetico. L’ha chiamata “Essenzialmente” e consiste nel fornire ai propri utenti un bonus pari a 10 centesimi a Kw/h nei mesi di ottobre, novembre e dicembre se consumeranno meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Ripreso il flusso di gas

Intanto ha ripreso il flusso di gas russo verso l’Italia attraverso il territorio austriaco. Gli operatori italiani hanno spiegato che la quantità importata è però dimezzata rispetto ai volumi arrivati venerdì. Lo stop scattato sabato secondo l’AD dell’Eni, Claudio Descalzi, era legato alla garanzia monetaria che Gazprom doveva versare all’Austria per il passaggio. Quest’ultima la voleva in euro, i russi invece vorrebbero pagarla in rubli.

Guarda anche: Energia: la regione investe su idrogeno e fotovoltaico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button