Articoli di Salute e benessere

Quarta dose, Ulss3: “Non cesseremo di richiamare i non vaccinati”

Nella conferenza stampa odierna anche il punto sui Pronto Soccorso: "Tre percorsi per rendere più scorrevole il percorso anche per i Codici Bianchi"

Incontrando i giornalisti, il Direttore Generale dell’Ulss 3 Serenissima, Edgardo Contato, ha presentato l’avvio della campagna per la quarta dose. Il cosiddetto “second booster” fa seguito al primo “richiamo” effettuato nei mesi scorsi. Sono circa 45 mila gli over 80 e gli adulti fragili su cui si concentra l’azione dell’Azienda sanitaria veneziana per la quarta dose. Molti di questi sono già “eleggibili”, perché dalla terza dose sono già trascorsi i canonici 120 giorni.

L’appello del Direttore Generale è rivolto però anche a tutti coloro che sono in ritardo con l’adesione alla terza dose. Contato si è rivolge, inoltre, a coloro che non hanno ancora intrapreso il loro percorso vaccinale.

Edgardo Contato, Direttore Generale dell’Ulss 3 Serenissima

“Siamo di nuovo al lavoro per mettere in sicurezza, con un ulteriore intervento di sanità pubblica, i nostri anziani, la popolazione ultraottantenne e la popolazione fragile del nostro territorio. E’ dimostrato in tutti i modi, ormai, che il vaccino protegge dalla malattia in forma grave. Il servizio sanitario ha messo a disposizione ogni via possibile, anche quella costituita da vaccini differenti, per portare tutti a mettersi in sicurezza. Non dovrebbe più esserci nessuno che ancora rischia di ammalarsi gravemente, e di finire in Ospedale e in Terapia Intensiva. L’appello quindi è per tutti coloro che possono ricevere la quarta dose. Ma è altrettanto pressante per tutti coloro che, continuando a diffidare della vaccinazione, continuano a rischiare per se stessi e per gli altri,” ha spiegato Contato.

Per chi ne ha il diritto, nel sito dell’Ulss 3 Serenissima è possibile da oggi prenotare la quarta dose. L’Azienda sanitaria ha messo a disposizione circa 8/10mila slot per ognuna delle prossime settimane, negli HUB vaccinali del PalaExpo, di Mirano e Dolo, di Chioggia e di Venezia. Negli stessi HUB vaccinali gli aventi diritto alla quarta dose possono già presentarsi ad accesso diretto. Un sostegno anche a questa particolare campagna vaccinale viene dato dei Medici di Medicina Generale, a cui tutti gli aventi diritto possono rivolgersi.

Mara Rosada, Primario del PS dell’Angelo

“Nel 2020, nel primo anno della pandemia, gli accessi sono drasticamente calati. Siamo passati da circa 250mila presenze a circa 170mila. Ma nel 2021 i numeri sono tornati a salire, avvicinandosi a quota 190mila. Restano comunque più bassi rispetto all’era pre Covid,” ha sottolineato la dottoressa.

Resta preponderante il numero di coloro che non hanno motivi gravi per rivolgersi alla struttura. Infatti, il 53% degli utenti entra ed esce con Codice Bianco, mentre il 18% con Codice Verde. “E nonostante il fatto che ci troviamo spesso ad assistere persone che non hanno una reale urgenza, anche a queste persone i nostri sanitari garantiscono una presa in carico completa. Il 70% dei Codici Bianchi e Verdi concludono il loro iter completo in Pronto Soccorso in meno di 4 ore. Un altro 25% degli accessi viene preso in carico, assistito e dimesso in meno di 6 ore. E’ solo una parte residuale, il 7% degli utenti, che si trattiene in Pronto Soccorso per più di 8 ore. Va ricordato il fatto che una volta accolto un paziente, il nostro servizio non lo dimette se non siamo certi di averlo rimesso in sicurezza,” ha spiegato Rosada.

Il ringraziamento del Direttore Generale Edgardo Contato

In proposito il Direttore Generale Edgardo Contato ha voluto ringraziare gli operatori dei Pronto Soccorso. “Qui si è riversata negli ultimi anni una pressione enorme. Questo è successo sia in epoca pre Covid, sia durante la pandemia, quando gli accessi sono diminuiti ma il lavoro dei sanitari si è complicato drammaticamente per le necessarie misure di contenimento del contagio.

E in queste settimane i nostri Pronto Soccorso accolgono e assistono mediamente 550 persone ogni giorno, di cui 220 solo a Mestre, fornendo in totale più di 2mila prestazioni giornaliere medie. Se pensiamo che è uno degli ambiti in cui è difficilissimo trovare personale da assumere in ruolo, nonostante tutta la disponibilità messa in campo dalla santità regionale, a chi è in prima linea devono andare tutto il sostegno e tutto l’incoraggiamento possibile”.

I tre percorsi del Pronto Soccorso

L’Ulss 3 Serenissima è pronta ad avviare almeno tre percorsi per migliorare ulteriormente la performance dei suoi Pronto Soccorso e ridurre i tempi di attesa. L’utilizzo dei medici laureati e in formazione, che si affiancano al personale “di ruolo”, saranno impiegati per la gestione dei codici bianchi.

Una prima presa in carico, successiva al triage, dei codici bianchi più leggeri da parte dell’infermiere specializzato, che “istruisce”, sotto il controllo del personale medico, i primi accertamenti e le prime procedure che è possibile avviare, quali ad esempio l’acquisizione dei parametri vitali ed eventuali primi accertamenti radiologici.

Infine, la Direzione degli Ospedali introduce una serie di “alert” che segnalano al personale quando i tempi in Pronto Soccorso si allungano oltre determinati limiti, perché si verifichi subito la congruità delle attese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button