droga

L’operazione è stata condotta e conclusa dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Mestre, che hanno individuato un piccolo esercizio commerciale al Tronchetto, ed ha permesso di stroncare un piccolo ma fiorente mercato sottobanco dello spaccio di droga.

Bazar della droga

Numerose le segnalazioni giunte nelle settimane scorse riguardo una concentrazione di traffici che roteavano attorno ad un “bazar” di souvernir/punto ristoro di Venezia posto in posizione strategica sull’isola del Tronchetto a Venezia. Dalle informazioni raccolte da numerosi servizi di osservazione predisposti sul posto, l’attività legittima e posizionata a due passi dagli imbarcaderi e dalla stazione del “People Mover”, in realtà nascondeva una fiorente attività criminale. Il minuscolo negozio era infatti un modo artificioso per amplificare l’estasi, ovvero il consumo di sostanze stupefacenti.

Il blitz

Il blitz è scattato ieri pomeriggio, quando i Carabinieri, hanno riscontrato la presenza sospetta di alcuni tossicodipendenti, ed il continuo via vai all’interno del negozio di souvenir. I carabinieri durante la perquisizione del negozio, svolta con l’ausilio dell’unità cinofila, trovano diversi grammi di Cocaina. Tutta la droga è stata rinvenuta già divisa in dosi, tutta preparata e sistemata dentro gli scatoloni delle cialde del caffé.

Il titolare è stato identificato, un cittadino albanese residente in provincia e regolare e pienamente integrato nel tessuto sociale veneziano. Lo spacciatore è stato dichiarato in stato di arresto e condotto presso la Casa Circondariale di Venezia su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa della convalida del fermo e giudizio per direttissima che avrà luogo oggi.

L’attenzione da parte dei carabinieri ed in particolare del Nucleo Operativo dedicato al contrasto allo spaccio, resterà alta nei prossimi giorni per individuare gli eventuali complici dello spacciatore, con servizi e pattuglie dedicate al controllo del territorio e della aree più sensibili.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here