Articoli di Cronaca

Carabinieri di Mira ringraziati dal prefetto per l’intervento del 9 luglio

Intervento contro l'uomo che si era barricato in casa con fucile. Vittorio Zappalorto: «intervennero in maniera risolutiva» nell'abitazione di un 66enne, «mettendo a serio rischio la propria incolumità»

Nella mattinata di oggi, presso il palazzo di governo di Venezia, S.E. Dott. Vittorio Zappalorto, ha ricevuto il Ten. Massimo Andreozzi ed altri tre graduati dei Carabinieri di Mira che il 09 luglio scorso, intervennero presso l’abitazione di un 66enne del luogo che si era barricato in casa.

Carabinieri di Mira

Nell’occasione i carabinieri di Mira, dopo aver scoperto che l’individuo era armato ed avendo indossato il giubbetto antiproiettile, non ebbero neanche il tempo di instaurare un dialogo; infatti l’esagitato uscì repentinamente dall’abitazione brandendo un fucile da caccia ad altezza uomo e solo il provvidenziale intervento dei Carabinieri riuscì a deviarne la canna verso l’alto rendendo l’esplosione dei due colpi innocua.

Il Prefetto si è intrattenuto a colloquio con i miliari, accompagnati nell’occasione dal Comandante Provinciale Col. Mosè De Luchi e dal Comandante della Compagnia di Mestre, esprimendo parole di elogio per il loro operato definendo l’intervento risolutivo, oltremodo coraggioso nonché altamente professionale. Ha poi aggiunto che il loro comportamento “ha rispecchiato quelli che sono i valori fondanti dell’Arma dei Carabinieri, valori nei quali ogni onesto cittadino si riconosce”.

Nell’occasione il Col. De Luchi ha ringraziato, a nome di tutti i Carabinieri veneziani, il Prefetto per la preziosa opera di coordinamento e la costante vicinanza dimostrata agli operatori di polizia, nello specifico ai militari veneziani, definendola sprone a continuare ad operare con altruismo e spirito di sacrificio a tutela della collettività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button