Obiettivo Salute

Coronavirus, Venezia in ginocchio: la denuncia dell’AVA

Il problema più grande è stato ed è tuttora che chi lavora in strutture di accoglienza non sa cosa deve fare, le informazioni non arrivano o sono poco chiare.

Ad Obiettivo salute: parla Stefania Stea, vicepresidente dell’associazione veneziana albergatori e albergatrice a sua volta. L’ospite ci spiega che quest’anno è stato particolarmente difficile per la città. La quale si è trovata a combattere con la paura dell’acqua alta (guarda il servizio), con alcuni giorni di chiusura a inizio febbraio per il disinnesco di una bomba a Marghera e ora con il coronavirus.

Venezia e il coronavirus

Per quanto riguarda il problema del virus in questo periodo, l’ospite afferma che, probabilmente, la questione non è stata gestita nel modo corretto. Durante il periodo di Carnevale, dove gli albergatori speravano di riprendersi, si è andato a creare eccessivo panico.

Il problema più grande è stato ed è tuttora che chi lavora in strutture di accoglienza non sa cosa deve fare, le informazioni non arrivano o sono poco chiare.

Guarda le altre interviste andate in onda nella trasmissione “Obiettivo Salute”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close