Home Notizie Articoli di Economia e società A Venezia, un milione al mese dai cafoscarini

A Venezia, un milione al mese dai cafoscarini

435
A Venezia, un milione al mese dai cafoscarini

A Venezia, un milione al mese dai cafoscarini
Studio di due economisti dell’Università Ca’ Foscari Venezia sul contributo degli universitari all’economia cittadina: gli studenti spendono quasi 10 milioni l’anno
VENEZIA – Un milione di euro al mese. E’ quanto spende a Venezia la comunità di studenti, ricercatori, docenti e dipendenti dell’Università Ca’ Foscari Venezia. Il dato emerge dallo studio “L’impatto dei cafoscarini su Venezia” finanziato dalla Camera di Commercio di Venezia e realizzato da ricercatori del Dipartimento di Economia, in collaborazione con Ca’ Foscari Sostenibile, raccogliendo quasi tremila questionari.
Gli economisti Marcella Lucchetta e Giacomo Pasini si sono chiesti quanto e come spende in città la comunità cafoscarina, composta da quasi 20mila studenti e 2.500 dipendenti. La stima, riferita al 2014, è di 9,9 milioni di euro spesi dagli studenti e 2,7 milioni di euro dai dipendenti, per un totale di 12,6 milioni. Di questo milione abbondante al mese il 68,7% va in cibo, il 19,7% per l’alloggio, il 6,7% in trasporti e il restante 5% in altre spese come libri, cultura e tempo libero.
Con 2.851 rispondenti e 50 categorie di spesa censite, l’indagine scatta una fotografia piuttosto nitida della vita dei cafoscarini a Venezia. E’ stata presentata nell’ambito del Bilancio di sostenibilità 2014, documento che descrive tutti gli impatti positivi dell’ateneo a livello di economico, sociale e ambientale in un’ottica di sostenibilità integrata.
Residente è meglio
Elaborando i numeri, i ricercatori hanno trovato conferma al fatto che i cafoscarini che abitano a Venezia (il 26% degli intervistati) hanno un impatto maggiore sull’economia cittadina rispetto ai pendolari, poco inclini ad acquisti in città. Inoltre, tra chi abita a Venezia, l’83% si è trasferito in città e solo il restante 17% è veneziano da sempre, dimostrando quanto l’ateneo attragga residenti nel centro storico. Tra studenti, dottorandi, assegnisti di ricerca e dipendenti, circa uno su quattro vive a Venezia. La percentuale si alza per i docenti: più del 40% abita in città. Studenti di dottorato e ricercatori assegnisti, anche se pendolari, mostrano spese individuali più importanti delle altre categorie. Affitti in città: uno studente spende in media 350/400 euro al mese, un dipendente 800.
Il Rettore di Ca’ Foscari Michele Bugliesi: «L’indagine condotta dai nostri economisti conferma che l’università rappresenta per Venezia una leva importante per lo sviluppo della residenzialità in città.  Ca’ Foscari porta a Venezia nuovi residenti parte dei quali si ferma in maniera stanziale. Un flusso di persone a cui la città è chiamata a offrire sempre nuove opportunità e servizi per lavorare e vivere nel centro storico, mettendo in moto virtuose sinergie tra istituzioni e associazioni di categoria. Un fronte sul quale Ca’ Foscari continua a investire non solo sul piano della propria offerta formativa ma anche con investimenti edilizi importanti, a cominciare dagli oltre 800 posti letto che saranno disponibili nei prossimi anni nelle residenze studentesche di Santa Marta e San Giobbe».
Tanto treno, poco vaporetto
Come si muove la comunità? La maggior parte dei cafoscarini raggiunge Venezia in treno e la stazione di partenza più ricorrente è Treviso. Mediamente, i pendolari impiegano 62 minuti per raggiungere Ca’ Foscari. Una volta a Venezia, ci si muove a piedi: solo l’8,66% dei rispondenti dichiara di utilizzare regolarmente il vaporetto.
Le scelte di consumo
Il supermercato è preferito per gli acquisti di generi alimentari. Tuttavia, mentre i non veneziani si rivolgono spesso anche ai piccoli negozi, i cafoscarini che vivono a Venezia comprano nelle botteghe cittadine o al mercato meno del 30% della loro spesa. Cinque domande testavano la ‘sostenibilità’ degli acquisti, riscontrando una generale sensibilità per il tema, anche se legato alla comodità: prodotti bio sì, ma in prevalenza al supermercato.
Tanti libri
La spesa culturale più importante è quella in libri, perlopiù di studio o lavoro. Sorprende la scarsa spesa per mostre e musei, come la quasi nulla spesa in tecnologia. Quest’ultima, spiegano gli autori dello studio, potrebbe transitare tutta online, sfuggendo così all’indagine, dedicata agli acquisti fatti direttamente in città.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here