Ponte di Pasqua fa impennare il prezzo del carburante

Continua l’impennata dei prezzi del carburante sulla rete stradale. Carlo Garofolini, presidente dell’Adico di Mestre: “anche speculazioni alla base degli aumenti”

“Aumento annunciato? Di sicuro sì. Però, come rileviamo spesso a livello territoriale tramite i nostri monitoraggi, i rialzi del costo del carburante sono in pratica automatici quando ci sono festività e ponti. Anche in questo caso il trend non si è smentito e noi insistiamo a dire che sotto queste variazioni esistono vere e proprie speculazioni”. Carlo Garofolini, presidente dell’Adico, commenta così la notizia che ha tenuto banco nel periodo pasquale e che riguarda l’incremento dei prezzi alla pompa di “verde” e diesel.

“E’ vero che l’inasprimento delle sanzioni Usa all’Iran e le tensioni in Libia sono fattori che incidono sul prezzo del carburante – continua Garofolini – però sono convinto che il fatto di trovarsi di fronte a questo lungo ponte festivo abbia favorito, come sempre, l’impennata dei prezzi. Pensiamo che su alcune tratte autostradali si arriva a sborsare per la benzina anche due euro al litro! Una follia! E poi la nostra domanda è sempre la stessa: perchè quando cala il costo al barile non scende in modo proporzionale anche quello del carburante?”.

In tale contesto l’associazione negli ultimi tempi ha monitorato i benzinai della terraferma veneziana evidenziando due fattori. “In primo luogo – continua il presidente dell’Adico – in alcuni periodi dell’anno il prezzo delle verde era praticamente identico a quello del gasolio. E questo non può essere. Inoltre le tante pompe bianche distribuite a Mestre non garantiscono più quella convenienza che offrivano inizialmente”.

Detto questo, le ricette per scongiurare una volta per tutte il caro benzina sono soprattutto tre. “Denunciare apertamente le speculazioni – è il suggerimento di Carlo Garofolini -. Favorire sempre di più la mobilità su vetture elettriche e intervenire una volta per tutte su quelle accise che non hanno più motivo di esistere”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here