Articoli di Cultura e SpettacoloMusei a Venezia

Museo di Torcello: una storia lunga 133 anni

Per l’occasione aprirà gratuitamente le sale espositive a tutti i visitatori prolungando l’orario di apertura fino alle 20

Nasce da una visione del primo prefetto di Venezia Luigi Torelli e sabato festeggia 133 anni. Il Museo di Torcello, ufficialmente fondato nel 1889, celebra sabato 14 maggio la sua nascita in coincidenza con la “Notte Europea dei Musei”. Per l’occasione aprirà gratuitamente le sale espositive a tutti i visitatori prolungando l’orario di apertura fino alle 20.

Sulle tracce del glorioso passato dell’isola

Gestito dal 1872 dalla Provincia di Venezia, grazie a una selezionata esposizione di reperti raccolti con amore da Torelli e dal primo direttore, Nicolò Battaglini, il museo raccoglie la storia dell’isola. Dal I secolo d.C. essa è stata punto di approdo e di scambio commerciale tra il mare e l’entroterra e primo scalo per la città di Altino.

Oggi isola minore, Torcello è abitata da meno di dieci residenti. Ma ha un elevato numero di visitatori che ne apprezzano la tranquillità e seguono le tracce di un glorioso passato, per secoli luogo florido e dedito al commercio ancora prima di Rialto e di Venezia.

Le collezioni

Il Museo ne è una importante testimonianza. Nato nel 1870 in quello che un tempo era il Palazzo del Consiglio con l’intento di salvare dalla dispersione un patrimonio artistico, e ampliato nel 1887 con l’acquisto e il restauro del Palazzo dell’Archivio, fu ufficialmente inaugurato il 14 maggio 1889.

Nei due palazzi storici, le cui collezioni sono suddivise tra medievale e moderna ed archeologica, trovano posto reperti ritrovati a Torcello, nella laguna e nella vicina terraferma prossima ad Altino. Ci sono anche oggetti che Battaglini riuscì a recuperare dai contadini e dagli antiquari e quelli rinvenuti grazie alle basse maree. Bronzetti, amuleti, suppellettili da mensa, fibule, anelli, materiali lapidei, frammenti architettonici, una acquasantiera del VI secolo, la Pala d’Altare in argento dorato del XIII secolo, proveniente dalla Basilica di Torcello. Essa è un raro esempio superstite di un arredo ecclesiastico diffuso in area lagunare. E ancora, sculture lignee di area lagunare, icone bizantine e sculture lignee, dipinti su tavola di soggetto sacro e frammenti di ceramiche.

Una vita sociale e produttiva di cui il prefetto Torelli voleva dare testimonianza. Egli salvò così dall’oblio e dal degrado centinaia di manufatti che rischiavano di andare perduti per sempre.

Gli altri gioielli di Torcello

Oltre al Museo di Torcello, punto focale dell’isola è la Basilica di Santa Maria Assunta, che è un inestimabile gioiello di arte musiva. Inoltre, la sua imponenza è il segno di quanto Torcello fosse un punto nevralgico, ma anche sede episcopale per secoli.

Il suo declino e progressivo abbandono iniziò nel XV secolo soprattutto a causa dell’interramento dei fiumi, in modo particolare del Sile. Questo fenomeno ridusse Torcello e le isole limitrofe a terreni paludosi.

La Basilica come appare oggi è frutto di rimaneggiamenti. La sua originaria fondazione risale al VI secolo, come testimoniato da una lapide frammentaria rinvenuta alla fine del 1800.

Accanto sorge la chiesa di Santa Fosca. Dietro, solitario, il campanile, punto di riferimento della laguna nord, dalla cui salita si può comprendere la complessità e la bellezza disarmante della laguna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button