Articoli di Cronaca

Container colmi di rifiuti abbandonati: si teme per l’ambiente

50 metri cubi di rifiuti stoccati illecitamente. I carabinieri del Noe di Venezia sequestrano 11 container e 4 compattatori.

Continua senza sosta l’azione di prevenzione e contrasto dei Carabinieri del Comando Tutela Ambientale per arginare il fenomeno dello stoccaggio illecito di rifiuti in aree abusive o dismesse e all’interno di capannoni abbandonati.

I rifiuti abbandonati

A Ospedaletto Euganeo (PD), al termine di una mirata attività, i Carabinieri del N.O.E. di Venezia, in collaborazione con i militari della Compagnia di Este, hanno controllato un’area sita nella zona industriale, priva di ogni autorizzazione ambientale, rinvenendo tra i vari macchinari e container, n. 11 cassoni in ferro contenenti rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi, in gran parte costituiti da fusti di lubrificanti, piccole cisterne con residui di oli esausti, imballaggi di plastica, componenti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) e pneumatici fuori uso.

Inoltre, nel sito sono stati individuati vari camion per la raccolta dei rifiuti, di fatto dismessi, ma 4 di essi avevano nel compattatore alcuni quintali di rifiuti solidi urbani. Il tutto è stato stimato in circa 50 metri cubi di rifiuti pericolosi e non pericolosi, stoccati illecitamente da diverso tempo nei tipici cassoni di ferro e negli autocompattatori che i militari del N.O.E. hanno provveduto a porre in sequestro, per un valore complessivo di circa 100.000 euro.

Gli accertamenti

Gli immediati accertamenti dei Carabinieri hanno permesso di identificare la società proprietaria del sito e deferire alla competente Autorità Giudiziaria il responsabile. Nei prossimi giorni, con la collaborazione di ARPAV, verranno eseguiti specifici accertamenti ed analisi di laboratorio su alcuni rifiuti al fine di imporre precise prescrizioni ed addivenire alla bonifica del sito, a carico del proprietario, secondo le procedure previste.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button