Servizi Cronaca

Tribunale di Venezia: in arrivo dal PNRR 30milioni

Sarà grazie al PNRR che Piazzale Roma vedrà finalmente completata la Cittadella della Giustizia con tutte le sue nove sedi giudiziarie veneziane. Iniziato a Ca' Farsetti il primo step del terzo e ultimo lotto. Poi si aprirà il problema di come riempire i palazzi vuoti del centro storico

Cittadella della giustizia si comincia ad intravvedere la fine. Sono state messe le basi del terzo lotto, l’ultimo, quello che consentirà una volta ristrutturati gli edificio 7, 12 e 13 dell’ex manifattura tabacchi di Piazzale Roma di accogliere il settore penale e la Procura Generale della Corte d’Appello e il Tribunale di Sorveglianza.

Tribunale

Effettuato il trasferimento previsto per il 2026, saranno liberati Palazzo Grimani e Palazzo Cavalli che si trovano nella zona di Rialto. Si tratta di un intervento reso possibile dai fondi del PNRR che costerà 30milioni di euro. Il passo fatto dal comune di Venezia in queste ore, consiste nell’approvazione da parte della Giunta, della convenzione tra il comune e il Ministero della giustizia che fissa gli adempimenti dei due enti per la conclusione della ristrutturazione.

La manutenzione

Inoltre, sono in corso i lavori di ristrutturazione del secondo lotto che riguarda gli edifici 9, 10, 11, 14 e 15. Questi saranno completati entro il 2023 e serviranno a dare una nuova sede agli uffici del Tribunale Civile. Un’opera ciclopica quella della cittadella della giustizia.

L’ex manifattura tabacchi, sede dei monopoli di stato fino al 1997, ospita dal 2014 il tribunale penale e la Corte D’Appello Civile e Lavoro. Se saranno rispettate le date, dal 2026 ospiterà tutte le nove sedi giudiziarie veneziane.

Ma già dal 2023 si dovrà capire cosa fare del cinquecentesco complesso di Rialto di proprietà demaniale che sarà svuotato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button