Servizi Economia e società

Canale dei Petroli: al via lo scavo. Finirà tra 12 mesi

Si comincia a vedere la luce nel porto di Venezia. Dalla prossima settimana le draghe cominceranno a scavare il Canale dei Petroli. Intervento che consentirà di far entrare navi più grandi. La brutta notizie riguarda la durata dell'intervento.

Il Malamocco Marghera è un canale artificiale che connette il mare Adriatico al porto commerciale di Marghera passando attraverso la laguna.  I progetti di escavo del canale dei Petroli erano in attesa di approvazione da molto tempo e sembra che finalmente si possa partire.

Canale dei Petroli

L’operazione mira a riportare la profondità del canale alla misura standard di 12 metri, permettendo quindi il passaggio di navi di ogni dimensione; inoltre sono previste in aggiunta operazioni di manutenzione dei marginamenti.

Il commento di Pino Musolino

L’autorità portuale Pino Musolino ha spinto molto in questi ultimi mesi per la velocizzazione delle autorizzazioni necessarie, in particolare alla luce delle perdite subite dall’apparato portuale a causa del Covid. Così commenta Musolino:

“Sono serviti tre anni di lavoro per superare un lungo periodo di inspiegabili ritardi nel ripristino dell’accessibilità nautica dei porti veneti “.

“Oggi arriva l’ultimo via libera nell’iter autorizzativo all’escavo del canale Malamocco Marghera, la principale arteria di comunicazione del porto veneziano, che potrà così essere liberato da circa 650 mila metri cubi di sedimenti, invertendo il naturale processo di interramento che rischiava di minare in modo irreparabile la competitività del nostro scalo.

È un’ottima notizia per la comunità portuale veneta che conta 1300 aziende insediate e oltre 21 mila addetti e per tutta l’industria manifatturiera Veneta“

L’operazione

L’operazione, che inizierà dalla fine della settimana prossima, avrà una durata stimata di dodici mesi; si prevede uno smaltimento totale di 647 mila metri cubi di sedimento dal fondale dei canali.

Gli altri fronti delle operazioni

Le attività di escavo manutentivo proseguono anche su altri fronti. A Venezia è  completato il progetto per l’escavo manutentivo di darsena della Rana . Ottenuta l’autorizzazione si procederà con le azioni propedeutiche all’avvio dei lavori.

Completato l’intervento manutentivo di escavo dell’accosto Me 10 in canale ovest a Marghera e si stima di poter iniziare da metà dicembre le attività di escavo della darsena in corrispondenza dell’accosto di San Marco Petroli.

A Chioggia, per l’intervento di manutenzione agli accosti di Val da Rio, di cui si è in attesa dell’autorizzazione, è previsto l’escavo di circa 50 mila metri cubi di sedimenti a partire  da metà gennaio 2021. Sono inoltre previsti altri interventi per il ripristino dei pescaggi per i quali sono in corso approfondimenti e valutazioni necessari . Nel complesso il capitale stanziato per le attività ammonta a più di 15 milioni di euro.“

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Disattiva AdBlock per sostenerci

Televenezia ogni giorno mette a disposizione informazioni e contenuti gratuiti. La libertà d'informazione deve essere sostenuta e Televenezia lo fa anche grazie ai banner pubblicitari. Sostienici e disattiva AdBlock