La Voce della Città Metropolitana

Martina Semenzato: la nuova realtà delle industrie vetraie veneziane

Le fornaci che producono vetro artistico a Murano stanno spegnendosi per l'assenza di turisti, ma le vetrerie stanno scoprendo l'e-commerce. Ne parliamo con Martina Semenzato, presidente degli industriale del vetro

Martina Semenzato è la neo Presidente della Sezione Industrie del vetro, figura di donna al vertice oltre che grande motore della scuola Abate Zanetti, prima scuola al mondo per la lavorazione del vetro. Durante l’intervista la neo Presidente descrive la  situazione delicata in cui versa la realtà del vetro post Covid-19. Già negli anni precedenti il comparto del vetro aveva visto pochi implementi economici e questo viene ora aggravato dal turismo minato dalla pandemia. Nonostante questo preoccupante scenario la Presidente Semenzato sta cercando di  incentivare sempre più una ripresa per un turismo consapevole e responsabile.

L’ E-Commerce nell’industria del vetro

Ripartono lentamente e non a pieno regime le attività economiche e le aziende di Murano. L’obiettivo, come sostiene Martina Semenzato, è quello di puntare ad una rete commerciale che riesca a travalicare l’isola di Murano e le altre isole attraverso la multimedialità.  E’ dunque un’attività commerciale nuova quella che si affaccia sull’industria del vetro dopo la pandemia: i beni preziosi e più fruibili verranno venduti tramite E-Commerce. Viene dunque preso in considerazione un supporto formativo per i nuovi strumenti, come i social e internet, necessari per la realizzazione di tale obiettivo.  La risposta dei vari mercati mondiali a questa nuova vendita del vetro sembrerebbe essere comunque positiva nonostante questo mondo artistico preveda e prediliga la visione del prodotto dal vivo.

Il turismo nell’isola di Venezia e di Murano

Di contro alle testimonianze preoccupanti per lo spopolamento e l’abbandono di Venezia e delle sue isole, la presidente Semenzato è invece propositiva. Sostiene infatti che in questi mesi il turismo stia tornando e che ad incentivare questo ritorno, in prima linea c’è anche la scuola Abate e tutta l’industria del vetro. Senza una positività, per quanto ora secondo la Zanetti, sia moderata, non può esserci futuro né per i giovani né per quegli imprenditori che hanno, durante questi mesi, faticosamente lavorato al fine di preservare il posto di lavoro ai propri dipendenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close