Servizi Cronaca

Martina Evatore: la miss che sfida gli stereotipi

Vittima di molestia, Martina Evatore tenta di abbattere gli stereotipi mentre partecipa a Miss Venice Beach

“Volevo ringraziare tutti i media che mi hanno contattato, perchè anche grazie a loro, il mio messaggio è arrivato a più persone possibili. Così anche da convincere le ragazze che subiscono una violenza a denunciare e non rimanere nel silenzio”, queste le parole di Martina Evatore.

Il messaggio di Martina Evatore, la ventenne padovana che sta partecipando al concorso di Miss Venice Beach, ha bucato. E’ arrivato al cuore e alla testa di un movimento d’opinione sempre più in allerta verso le molestie sessuali e i pregiudizi sulle donne che “se la cercano”.

Martina Evatore, la scelta di sensibilizzare sulle molestie

E’ stata chiamata dai media di tutta Italia e la sua storia si è conquistata la pole position tra i post nei maggiori siti. Quando ha deciso, venerdì scorso, durante la tappa di Jesolo, di sfilare con gli stessi abiti che indossava tre anni fa. Quando, minorenne, è stata aggredita. E’ riuscita a difendersi grazie all’aiuto di alcuni passanti e alla conoscenza di alcune tecniche di autodifesa. Ma poteva andare peggio e non è vero che aveva abiti provocanti.

Felpa, pantaloni larghi e una giacca mimetica era il look che aveva scelto per andare alla festa di compleanno di un amico. Ed è con quegli abiti che è salita sulla passerella, nello spazio in cui avrebbe dovuto presentare il proprio talento.

Ha chiesto alla patronessa, Elisa Bagordo, di presentare sé stessa attraverso quel messaggio. E’ una sfida dello stereotipo con cui spesso si giustificano i molestatori e gli stupratori. L’organizzazione l’ha supportata reinterpretando il concorso di bellezza e attribuendogli un ruolo mediatico completamente nuovo e positivo.

Elisa Bagordo, patronessa Miss Venice Beach

“Non è l’abbigliamento che istiga la violenza. E’ la mente malata di chi concepisce le donne come un oggetto”.

Le vincitrici della prima tappa di Miss Venice Beach

Tra le 14 concorrenti in gara, Martina Evatore ha passato il turno. Ultima del gruppo delle quattro che concorreranno alla prossima selezione. Al primo posto Anastasia Urrù, 18enne di Ceggia, studentessa liceale che amante dello snowboard. Al secondo posto è risultata Gioia Ewere Ojoh, 17 anni, trevigiana di Povegliano, studentessa di marketing, hostess e ballerina di latinoamericano. Terzo posto con il titolo Miss Eywa sport e spa per la veneziana Margherita Bolzonella, 20enne di Mira, studentessa di lettere all’università di Ca’ Foscari. Il concorso ha l’ambizione di formare e trovare nuovi talenti per il mondo della moda, pubblicità e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Disattiva AdBlock per sostenerci

Televenezia ogni giorno mette a disposizione informazioni e contenuti gratuiti. La libertà d'informazione deve essere sostenuta e Televenezia lo fa anche grazie ai banner pubblicitari. Sostienici e disattiva AdBlock