Servizi Economia e società

Jesolo, città per ogni stagione: parla Alberto Maschio

Il bicchiere per gli albergatori del Lido di Venezia è mezzo vuoto, ma per quelli di Jesolo è mezzo pieno. Tenere chiuso in novembre e gennaio è un sacrificio per i lidensi, a Jesolo invece solitamente la stagione parte in marzo e dunque puntare come ha annunciato il comune ad aprire a metà gennaio è un netto miglioramento

Jesolo è una città che vive dodici mesi all’anno. A sancirlo sono i dati diffusi nel corso della conferenza stampa “Una città per ogni stagione”, dal Comune di Jesolo al fianco di Aja, Ascom e Consorzio JesoloVenice.

Bilancio dell’amministrazione e delle associazioni di categoria per il 2022

L’amministrazione e le associazioni di categoria hanno tracciato un bilancio del 2022 dal punto di vista turistico, che ha sancito il pieno rilancio del periodo estivo dopo la crescita registrata con la conclusione dell’emergenza sanitaria e un inverno di perdurante vitalità come non si era mai visto.

Al tempo stesso, l’appuntamento è stata l’occasione per illustrare alcuni importanti appuntamenti che si svolgeranno nei prossimi mesi e provare a definire una previsione per il 2023.

Secondo i dati raccolti dall’Ufficio Tributi del Comune di Jesolo, nei cinque mesi in cui è in vigore l’imposta di soggiorno ha comportato versamenti da parte degli operatori del settore per 5,63 milioni di euro.

Ciò significa un incremento del 9,27% rispetto ai 5,15 milioni di euro del 2019, che ha accompagnato la parallela ripresa dell’attività turistica dopo l’emergenza sanitaria e conferma l’allineamento con i livelli pre-pandemici.

Gli eventi di maggior richiamo sono stati: 

  • la festa dell’uva (sabato 3 e domenica 4 settembre),
  • la manifestazione Sculture di sabbia,
  • IRONMAN 70.3 Venice-Jesolo (9 ottobre)
  • Autunno in festa (22 e 23 ottobre).

Tra novembre, dicembre e gennaio la città si è poi vestita a festa per il Natale e il Capodanno:

  • il Mercatino di Natale, chiuso domenica scorsa 8 gennaio, è stato visitato da oltre 200 mila persone;
  • lo Jesolo Sand Nativity ha da poco tagliato il traguardo dei 100.000 ingressi e continuerà ad accogliere curiosi fino a domenica 5 febbraio
  • il Presepe di ghiaccio ha già superato le 50.000 visite, obiettivo fissato quest’anno dall’amministrazione che ha deciso di prorogarne l’apertura fino al 22 gennaio
  • Il Capodanno in piazza, allestito nel centro storico, ha richiamato sotto il palco oltre 3.000 persone mentre nel complesso Jesolo è stata scelta da più di 30.000 persone per l’ultimo saluto al 2022 grazie anche al concerto di Elisa al Palazzo del Turismo.

Jesolo Beach & Kite Festival

Volgendo lo sguardo ai prossimi mesi di questo nuovo anno, alcuni dei principali eventi di grande richiamo sono già stati calendarizzati: a segnare l’ingresso nella bella stagione sarà lo Jesolo Beach & Kite Festival, la manifestazione internazionale di aquiloni che torna ad animare la spiaggia dopo il grande successo dell’anno scorso.

La seconda edizione si svolgerà fra il 31 marzo e il 2 aprile, coinvolgendo oltre 200 aquilonisti in rappresentanza di 12 Paesi che si esibiranno su un tratto di arenile lungo 1 chilometro e mezzo antistante piazza Trieste, rendendolo il festival di aquiloni più grande d’Italia.

La manifestazione si svolgerà nei tre giorni dalle 9.30 alle 17.00, sarà ad accesso libero e prevede esibizioni tematizzate in base alle diverse tipologie di aquiloni. Inoltre sabato 1 aprile, dalle 21.00, si terrà il magico volo in notturna.

Altre iniziative per il 2023

  • Dal 2023 Jesolo diventerà il campo base di Donnavventura, la fortunata trasmissione nata nel 1989 e ora in onda su Rai 2.
  • Il 7 maggio torna IRONMAN 70.3 Venice-Jesolo, a cui si prevede la partecipazione di oltre 3.000 atleti.
  • il 2 settembre si festeggeranno i 100 anni dalla fondazione dell’Aeronautica Militare con lo Jesolo Air Show e il passaggio della Pattuglia Acrobatica Nazionale, le amatissime Frecce Tricolori. Ad accompagnare la bella stagione, a partire da giugno, saranno infine le Sculture di sabbia.

Sicurezza ed accoglienza a Jesolo

Sul fronte della sicurezza, inoltre, l’amministrazione ha avviato un processo di ampliamento della rete di videosorveglianza cittadina nonché di adeguamento dei sistemi di gestione migliorando l’interscambio di informazioni con le forze dell’ordine.

Nel contempo verrà ampliato l’organico della Polizia locale ed entrerà in servizio una seconda unità cinofila.

Sotto l’aspetto dell’accoglienza, i dati raccolti dall’Associazione jesolana albergatori (Aja) certificano che il periodo 1 aprile – 30 settembre ha fatto registrare una occupazione media del 67,2%, con quasi sei punti percentuali in più rispetto al 2019, meglio anche del 2021 (64,6%) e nettamente superiore al 2020, quando la media fu del 48,7%.

La stagione 2019 era risultata migliore di quella del 2022 solo nella parte iniziale: ad aprile, godendo delle festività pasquali, si era registrato il 45% di occupazione media, contro il 37% del 2022. Poi è stato un crescendo per l’ultima stagione, che non ha temuto confronti, primeggiando in ogni mese.

Per quanto riguarda la nazionalità, il 36,7% dei turisti parlava italiano, il 20,6% è arrivato dall’Austria, il 19,8% dalla Germania, il 5,5% dalla Svizzera, circa il 2% rispettivamente da Regno Unito, Francia e Ungheria; il rimanente 11% circa, da altri Paesi, in prevalenza dell’Est Europa.

Leggi anche: Mancato arresto dei ladri a Jesolo: la querela va agevolata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Disattiva AdBlock per sostenerci

Televenezia ogni giorno mette a disposizione informazioni e contenuti gratuiti. La libertà d'informazione deve essere sostenuta e Televenezia lo fa anche grazie ai banner pubblicitari. Sostienici e disattiva AdBlock