Articoli di Cultura e Spettacolo

Festa del Radicchio 2020 a Mirano: il programma dell’evento

In piazza Martiri a Mirano il 12 gennaio la 23° Festa del Radicchio. Nel programma degustazioni, esposizioni e una visita guidata all'istituto agrario 8 Marzo, per una giornata all'insegna del radicchio e della tradizione veneta.

XXIII edizione della “Festa del Radicchio 2020 e dei Sapori della Tradizione Veneta”. La manifestazione trae origine dall’inserimento del territorio del nostro Comune nella zona di produzione del Radicchio rosso di Treviso IGP e del variegato di Castelfranco IGP. A seguire il programma della festa. GUARDA LA PRESENTAZIONE

Festa del Radicchio 2020

La Festa si svolgerà nella giornata di domenica 12 gennaio 2020 e coinvolgerà, oltre che i produttori del radicchio, anche gli studenti e le diverse forze produttive della città.

La manifestazione, che gode del patrocinio della Regione Veneto, è organizzata dalla Pro Loco Mirano in collaborazione con il Comune, le associazioni di categoria degli Agricoltori (CIA, COLDIRETTI, CONFAGRICOLTORI), La Strada del Radicchio e l’Istituto Istruzione Superiore “8 Marzo –  K. Lorenz” di Mirano.

I prodotti in esposizione

L’esposizione sarà allestita, dalle ore 9,30, in piazza Martiri, dove il radicchio, portato dai produttori del comprensorio (una quarantina circa), verrà esposto sotto le bancarelle in legno, disposte attorno all’ovale della piazza.

Presenti saranno anche “i sapori della tradizione veneta”, una cinquantina di altri stands lungo le vie che confluiscono nel centro storico. Qui si potranno acquistare selezionati prodotti enogastronomici del territorio.

Ci saranno i formaggi prodotti artigianalmente in tutto il territorio regionale, dalla pianura alla collina all’alpeggio, con latte di mucca, pecora o capra. Saranno anche messi a confronto con altri provenienti dalla Carnia, dalla Puglia e dalla Toscana. Non mancheranno i salumi con in testa la sopressa che si confronterà con i salumi di mora romagnola. E poi olio, sott’olio, riso, farine di tutti i tipi, fagioli e noci, ortaggi, tisane, vino, birra, e grappe (anche al radicchio), cioccolato, miele e biscotti. E poi un prodotto di eccellenza: lo zafferano che viene prodotto proprio qui nel nostro territorio da un giovane imprenditore. Lo zafferano è considerato una delle spezie più costose al mondo. Gli stigmi sono raccolti a mano, con molta delicatezza per non rovinarli. Per un chilo occorrono circa centoventimila fiori la cui raccolta avviene tra ottobre e novembre.

Il programma

Alle ore 10,00, da via Barche partirà la visita guidata al ciclo produttivo del radicchio. Con il pullman dell’ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE “8 MARZO –  K. LORENZ” si andrà nell’Azienda Agricola della scuola stessa, dove, studenti ed esperti del settore spiegheranno e faranno vedere il ciclo produttivo del Radicchio rosso di Treviso; in seguito si potrà assistere alla toelettatura e all’imballaggio del prodotto. Dopo un piccolo rinfresco, il pullman riporterà i visitatori in piazza.

Alle ore 11,15 apertura ufficiale della manifestazione alla presenza delle autorità e consegna dei diplomi di partecipazione ai produttori presenti. Saranno, inoltre, premiati i primi tre classificati al concorso di disegno per le scuole primarie, organizzato dalla CIA. Tutti gli elaborati pervenuti saranno esposti in piazza Martiri.

Nel pomeriggio, alle ore 15.30, musiche e balli della tradizione popolare con il GRUPPO FOLKLORISTICO TREVIGIANO.

Funzionerà anche un piccolo stand gastronomico dove si potrà degustare il musetto al radicchio con radicchio ai ferri. A Mezzogiorno: risotto! Naturalmente al radicchio!

Non mancheranno i panini con la salsiccia calda e il vin broulè per riscaldare gli animi. Sarà presente il Gruppo Amici del Trattore, fondato da appassionati di trattori d’epoca.

Anche nel 2020, grazie all’Unpli Veneto – Comitato Pro Loco sarà ripetuta l’esperienza: “Fiori d’Inverno” – andar per mostre del radicchio Igp che  coordinerà, dall’8 novembre 2019 al 22 marzo 2020, 11 grandi eventi, tra le terre di Treviso e Venezia, dove poter conoscere, vivere e degustare il radicchio Igp rosso di Treviso e il variegato di Castelfranco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button