Home Video Gallery SOS La Difesa del Cittadino Buy Italian: autarchia o buonsenso? Ce lo spiega Sivori

Buy Italian: autarchia o buonsenso? Ce lo spiega Sivori

Oggi parliamo di quei prodotti che compriamo e mettiamo sulle nostre tavole. Ma cosa significa “Buy Italian” e “Buy American”? Ce lo spiega Sivori.

Una legge americana

Tutto nasce da una legge del ’33, il Buy American Act, emanata dal congresso americano per proteggere le imprese manifatturiere nazionali limitando, ove possibile, le importazioni di prodotti finiti stranieri.

Il “Buy American” nel mondo

Da qui si passa al racconto di un amico di Sivori, viaggiatore abituale per lavoro. In ogni paese anglofono in cui si è recato ha trovato il marchio “Buy American” (compra americano), senza mai trovare il marchio “Buy Italian” (compra Italiano).

Troppe importazioni

Perché allora non promuovere il “Buy Italian” anche da noi, per aumentare i consumi interni? Anche perché in Italia abbiamo alcune delle migliori materie prime al mondo e siamo costretti a importare prodotti di uso quotidiano da altri paesi, come Cile, Tunisia, Spagna.

Uno spreco di risorse

Invece dobbiamo assistere ad un terribile spreco: limoni italiani che vengono lasciati marcire sulle piante perché raccoglierli costerebbe più del prezzo di vendita.

Pugno di ferro

Finché qualcuno al governo non farà la voce grossa, imponendosi contro questo sistema delle lobby agricole e finanziarie, difficilmente riusciremo a superare questa situazione spiacevole.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here