Sono prodotti dalla pasticceria Ceccon di Carpenedo i biscotti scelti da Bernabei per la promozione della seconda stagione de I Medici

Francesco e Martina Ceccon sono di Carpenedo, fanno parte di una lunga stirpe di pasticceri d’eccellenza e hanno creato dei biscotti molto speciali. Sono una loro creazione, infatti, i biscotti scelti per promuovere la seconda stagione della serie televisiva I Medici.

I biscotti

Proprio il produttore della fiction, Luca Bernabei, dopo alcune ricerche ha individuato la loro pasticceria e ha richiesto una produzione di biscotti con la forma del giglio fiorentino.

I biscotti sono serviti a Bernabei come prodotto promozionale durante la prima presentazione della serie televisiva. Ha scelto questo tipo di dolce perché richiamava una ricetta medievale.

La ricetta

La richiesta era ben precisa: si voleva un prodotto artigianale, semplice, con ingredienti di qualità. Il pasticcere, Francesco Ceccon, ha modificato la propria ricetta per adattarla alle richieste e allo stampo a forma di giglio.

Sono state infatti aggiunte nocciole e mandorle tostate. Si è inoltre deciso di usare una farina macinata a pietra per dargli un aspetto più antico. L’obbiettivo era quello di creare dei biscotti artigianali, non aromatizzati, dove gli aromi principali fossero farina, arancio e uova fresche.

Le difficoltà

La difficoltà è stata riuscire a bilanciare la ricetta per creare una frolla di qualità che non si rompesse nel particolare stampo.

Lo stampo a forma di giglio poi non è stato facile da reperire. E’ stato un fabbro del luogo a creare uno stampo dedicato a questo particolare tipo di biscotto.

La confezione

Per questi biscotti è stata creata anche una scatola personalizzata. In collaborazione si è realizzata una confezione di latta, sul modello di quelle già usate dalla pasticceria, a cui è stato aggiunto il logo con il giglio fiorentino.

La pasticceria

La pasticceria Ceccon in realtà è già molto nota proprio per la biscotteria; producono tutto l’anno frolla, sfoglia e i tradizionali veneziani, come ad esempio i CriCri.

La loro attività esiste dagli anni ’70 e la produzione è rimasta quasi invariata; le ricette infatti sono ancora quelle del padre. Questo è uno dei punti di forza che ne fa una pasticceria tradizionale e artigianale; alcuni prodotti sono quindi diventati tipici del loro negozio, come la crema.

La pasticceria, pur rimanendo nel gusto fedele alla tradizione, si è adeguata all’arrivo della tecnologia e ha creato un proprio sito internet e dei profili social.

Nonostante la concorrenza dell’industria moderna, Francesco Ceccon, spiega come negli ultimi anni vi sia stata una riscoperta dei gusti più artigianali e antichi e un aumento della domanda. C’è sempre una maggiore attenzione verso le realtà gastronomiche locali e questo permette una riscoperta dei sapori tradizionali.

La pasticceria Ceccon quest’anno ha anche partecipato alla SIGEP di Rimini.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here