Servizi Cronaca

Via Piave: dopo le spaccate il Ministro promette un vertice

La Banda del Tombino scuote ancora via Piave e dintorni, ma il Ministro dell'Interno Matteo Piantedosi si impegna a fermarli. Ha promesso un vertice prossimamente

Il ritorno della Banda del Tombino a Mestre ha tenuto alto l’allarme su via Piave, nel centro di Mestre, questo fine settimana. Rimane stretto nella morsa di ladri e pusher anche nel giorno in cui è venuto a Venezia il Ministro dell’Interno Matteo Piantedosi.

Il caso via Piave

Il Ministro si è impegnato a tenere prossimamente un vertice di sicurezza da adottare nella zona calda di Mestre, reduce di ben 6 accoltellamenti in una settimana e 4 spaccate in due notti a danno di due negozi d’abbigliamento in Corso del Popolo e in via Felisati, di un’agenzia di servizi per stranieri e contro un ristorante di via Piave e Montenero.

La promessa di Piantedosi

Piantedosi ha incontrato domenica a Ca’ Corner il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro impegnandosi a tornare in città e dimostrando apertura del ruolo del sindaco nella gestione della propria città. Il ministro ha partecipato alla cerimonia di insediamento ufficiale del nuovo rabbino capo della comunità ebraica di Venezia Alberto Sermoneta.

Intanto Mestre si avvia verso una stagione in cui le giornate sono più corte e il buio favorisce maggiormente i colpi notturni. Nel gennaio scorso infatti altri negozi a Mestre hanno trovato la vetrina smontata con la tecnica del tombino ed è caccia alla gang.

Ti potrebbe interessare anche: Via Piave, armi bianche: in azione nigeriani incensurati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Disattiva AdBlock per sostenerci

Televenezia ogni giorno mette a disposizione informazioni e contenuti gratuiti. La libertà d'informazione deve essere sostenuta e Televenezia lo fa anche grazie ai banner pubblicitari. Sostienici e disattiva AdBlock