Servizi Cronaca

Renzo Mazzaro: Il Punto su alpini e molestie

“Maschile e maschilismo sono diversi”. Nell'appuntamento de Il Punto di oggi, Renzo Mazzaro parla di alpini e di molestie

Scoppia il caso sull’assessore Elena Donazzan per aver difeso gli alpini dichiarando: “se mi fischiano dietro sono contenta”. Non è nuovo per l’assessore regionale veneta alla formazione e al lavoro trovarsi al centro delle polemiche per l’ennesima volta. Qualcuno chiede la sua testa, lei risponde che non accetta lezioni da nessuno. Intanto sono state raccolte 11 mila firme per abolire le adunate degli alpini. Cosa è accaduto Rimini. Il punto di Renzo Mazzaro.

Renzo Mazzaro sull’adunata di Rimini

“L’adunata degli alpini a Rimini. D’improvviso uno dei corpi militari più amato e rispettato dagli italiani, per l’abnegazione con cui intervengono nelle situazioni di disastri, terremoti, frane, alluvioni, è diventato un covo di molestatori allupati. In particolare, questi aggrediscono le donne appena le vedono… Uno stenta a crederlo.

Però ci sono due associazioni femministe che dicono di aver raccolto più di 200 denunce. E queste verranno presentate alla procura di Rimini. Anche se di concreto fino a ieri c’era solo un’indagine contro ignoti per la denuncia presentata da una 26enne. Quest’ultima ha denunciato che sabato notte, davanti ad un bar, sarebbe stata circondata da tre alpini ed è riuscita a divincolarsi con fatica e a scappare.

I casi precedenti

Ma saltano fuori anche altri precedenti. Per esempio, si scopre anche che nel 2018 nell’adunata di Trento le cose sarebbero andate anche peggio. Era stata organizzata una serata dal titolo ‘Miss alpina bagnata’, con manifesti che invitavano a eleggere la tua alpina preferita innaffiando di birra le ragazze per mettere in vista i pettorali. Insomma, i comportamenti di Rimini non sarebbero un inedito.

Repubblica ha intervistato un’alpina di Brescia, 35 anni, un ufficiale, che di adunate ne ha fatte 16. Questa era a Rimini, e dice di essere stata anche lei importunata. Come? Sabato notte un ragazzo le si è avvicinato tentando un approccio, le ha detto: ‘Sono innamorato di te, dai bella, vieni via con me’. Questa sarebbe una molestia? Beh, dice lei, diciamo che è una molestia gentile. A me sembra piuttosto un tentativo di rimorchio, per mettere in riga l’importuno basta rispondergli di no, vai per la tua strada… L’alpina bresciana dice che nell’adunata di Rimini c’erano un sacco di alpini imbucati, uomini che di alpino avevano solo il cappello e la camicia comprata in una bancarella.

“Maschile e maschilismo sono diversi”

Il fatto è confermato da un’altra alpina, stavolta di San Vito al Tagliamento, intervistata dal Gazzettino. Sarà anche vero, ma è difficile addossare solo a questi presunti imbucati tutte le molestie… E comunque questa alpina di San Vito al Tagliamento dice una cosa in più. La donna, infatti, sostiene che il mondo militare è prettamente maschile, e farne parte per una donna non è una passeggiata.

Poco ma sicuro. Ma maschile è una cosa, maschilista è un’altra. Anche se la differenza si è assottigliata. Però non sono la stessa cosa. E’ anche vero che la sensibilità negli ultimi anni è molto cambiata. Per esempio, una volta i fischi a una ragazza erano un fatto di costume. Nessuna ragazza sarebbe andata a denunciarli in caserma come una molestia. Oggi è tutto diverso. Per cui, cari maschietti, negli approcci verso il gentil sesso occorre studiare meglio i preparativi…”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button