Un film drammatico, coinvolgente, che parla di una storia vera, toccando alcune tematiche sociali importanti, come il fine vita. Ma anche in cui si evidenziano aspetti umani diversi, tra cui la convivenza con persone di altri ceti e culture sociali. Una storia di rinuncia, altruismo, amicizia. #Nico63 è anche una storia d’amore.

Il film è stato presentato giovedì 29 agosto all’interno della 76ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, nello Spazio della Regione del Veneto all’Hotel Excelsior del Lido di Venezia. Il film è prodotto da Switchmedia Film, con la regia di Paolo Lirussi al suo esordio, interpretato dall’attore veneziano Andrea Pergolesi, e sostenuto dal Comune di Venezia, che lo ha inserito nella programmazione de “Le Città in Festa”.

La trama di #Nico63

#Nico63 racconta la storia di Nicola Zinelli, ammalato di Sla, che vive immobilizzato a letto da oltre 13 anni collegato ad un respiratore per l’ossigeno e ad una PEG che lo alimenta. Il breve excursus sulla vita di Nicola rievoca i momenti felici prima della malattia, durante e dopo, con la partecipazione in alcune scene dell’ammalato vero. Con l’incredibile interpretazione del protagonista Andrea Pergolesi, la produzione ha cercato di comunicare gli stati d’animo che un’ammalato di Sla come Nicola può provare in certi frangenti. Paura, solitudine, disperazione, sogni infranti, il prendere possesso di ciò che potrà essere una nuova realtà ancor prima che questa malattia tocchi il suo apice, lo porta così a delle scelte come quella di abbandonare le nozze ormai fissate, o a quella di sottoscrivere un testamento biologico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here