Articoli di Cultura e Spettacolo

Hybrid Music Contest: vincono Trust the Mask e Iako

Si è chiusa domenica 3 ottobre, la quarta edizione dell'Hybrid Music Contest, dedicato alle giovani promesse della musica veneta.

Si è chiusa ieri sera, domenica 3 ottobre, la quarta edizione dell’Hybrid Music Contest. Il progetto, ideato e curato dal Settore Cultura del Comune di Venezia, è dedicato alle giovani promesse della musica veneta.

Trust the Mask e Iako trionfano

Sul palco del teatro Toniolo la sfida finale ha decretato Trust the Mask migliore band del contest. Si è aggiudicato invece la vittoria nella sezione solisti il giovane artista Iako. La giuria, composta da giornalisti e professionisti del settore, ha fatto due menzioni d’onore: una per la band Biopsy o Boutique e la seconda per il cantante Molins.

I Melancholia all’Hybrid Music Contest

Alla serata finale hanno partecipato sei artisti, tra gruppi e solisti, selezionati durante i concerti del 25, 26 settembre e del 2 ottobre. Il percorso dell’Hybrid Music Contest, aperto a partecipanti tra i 18 e i 35 anni, è iniziato con la selezione tramite demo delle 15 realtà musicali del territorio ritenute più meritorie dalla giuria del concorso. Ospiti d’eccezione per la finale, ieri sera, sono stati i Melancholia, la band emergente a livello nazionale che ha partecipato alla scorsa edizione di X-Factor.

In rappresentanza della città era presente l’assessore alle Politiche educative, Laura Besio, che a margine delle premiazioni ha definito l’Hybrid Music Contest “un bellissimo esempio di come il settore Cultura del Comune di Venezia sia riuscito a tradurre in fatti un’idea e un’intuizione del sindaco e di tutta l’Amministrazione comunale. Ma è anche la dimostrazione di come sia necessario fare rete sul territorio. Bisogna investire sui ragazzi e sui loro talenti – ha aggiunto l’assessore. I giovani, con le loro ambizioni, sono il vero motore per uscire dal difficile periodo provocato dalla pandemia. La responsabilità di noi amministratori non è preconfezionare iniziative, ma cercare nella città i talenti che già esistono e riuscire a valorizzarli mettendo a loro disposizione occasioni di crescita. Per questo motivo ai vincitori e a tutti i partecipanti va il nostro augurio per il loro futuro professionale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button