Servizi Economia e società

“Venezia Pesce di Pace”: messaggi di pace appesi agli alberi

I disegni dei bambini riconciliano con la vita, donano un sorriso e costruiscono ponti, come quello Venezia - Beirut disegnato a 1000 mani da bambini italiani e libanesi. È il progetto Pesce di Pace che quest'anno ha colorato i giardinetti reali di Venezia

Si muovono all’aria come foglie al vento, appesi al pergolato dei giardini reali di Venezia, per diffondere un messaggio colorato, di pace e fratellanza. Sono i disegni dei 500 bambini che hanno partecipato al progetto educativo ed internazionale “Venezia-Beirut: disegni a mille mani”. L’iniziativa è stata promossa dall’associazione “Venezia Pesce di Pace”, che quest’anno compie 30 anni, in collaborazione con Venice Garden’s Foundation e fondazione Vittorio Cini.

Circa 200 dei piccoli studenti coinvolti nell’iniziativa, insieme alle loro insegnanti, hanno preso parte all’inaugurazione della mostra, insieme anche all’ideatrice del progetto, Nadia De Lazzari.

L’intervento dell’ambasciatrice e di Nadia De Lazzari

Mira Daher, ambasciatrice del Libano: “Sono molto felice del progetto che hai fatto, perché è molto importante per i due popoli del Mediterraneo, per i bambini, per i libanesi e per gli italiani, ma soprattutto per tutto il mondo. Ti ringrazio.”

Nadia De Lazzari, “Venezia Pesce di Pace”: “Anche io ringrazio l’ambasciatrice, Mira Daher. È stata di grande sostegno e poi i bambini hanno fatto tutto il resto. Loro stessi hanno detto: “Questo progetto è un’impegno per la vita”.

“Venezia Pesce di Pace”: un progetto che ha riunito la collettività

L’anno scorso, durante la pandemia, gli alunni di 7 scuole di Venezia, Cavallino-Treporti e Beirut sono stati invitati a rispondere attraverso un disegno ai seguenti temi: “Venezia e Beirut: le nostre città e noi a scuola con il Covid”. A due a due, sempre a distanza, i bambini hanno rappresentato le loro città e la pandemia. Assieme a loro, si sono uniti gli insegnanti, le famiglie e 14 artisti, sette italiani e 7 libanesi. Quest’ultimi hanno poi donato le loro opere alle scuole partecipanti.

Ne sono nati 500 disegni, che da oggi decorano il pergolato dei Giardini Reali di Venezia e da questo n’è nato un libro.  Il progetto è inserito nelle celebrazioni per i 1600 anni di Venezia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button