Servizi Cultura e spettacolo

Venezia 79: Red Carpet de “Il signore delle formiche”

"Il signore delle mosche" è il quarto film italiano in competizione alla Mostra del Cinema

Martedì 7 settembre, sul Red Carpet di Venezia è comparso il cast tutto italiano de “Il signore delle formiche”, nei cinema italiani dall’8 settembre. A farla da protagonista sicuramente il regista Gianni Amelio, molto amato da Venezia, seguito dagli attori Elio Germano, Luigi Lo Cascio e Leonardo Maltese.

“Il signore delle formiche” in gara alla Mostra del Cinema

Gianni Amelio ha già vinto a Venezia nel 1998 con il film “Così ridevano” e ora si presenta nuovamente al Festival del Cinema con una pellicola che mette in scena il caso Braibanti. Fatto di cronaca fondamentale nella storia italiana, il caso Braibanti è stato il primo processo per plagio tenutosi nel nostro Paese. Aldo Braibanti, celebre intellettuale, era stato accusato di aver sedotto e poi plagiato un suo studente negli anni Sessanta.

Il cast

Protagonista del film è Luigi Lo Cascio, comparso sul red carpet in compagnia dello stesso regista. Lo Cascio interpreta Aldo Brabanti, l’intellettuale italiano accusato di plagio nel caso che ha infiammato le cronache italiane negli anni Sessanta.

Ettore, il ragazzo la cui famiglia avrebbe accusato Brabanti, avrà il volto di Leonardo Maltese, giovane artista venticinquenne che a Venezia ha raccontato: “Per creare Ettore ho fatto delle ricerche, ma Il signore delle formiche parla anche di una storia d’amore. Ho tirato fuori il mio personaggio dalla sceneggiatura e ho fatto del mio meglio per rendergli giustizia” facendo riferimento alla relazione omosessuale con il professore descritta nella pellicola.

Elio Germano, accolto da folti applausi da parte del pubblico, interpreta invece un giornalista che, nel film, racconta in presa diretta la vicenda di Brabanti. Non è la prima volta che l’attore collabora con il regista Gianni Amelio. I due, infatti, si erano incontrati prima nel set di Tenerezza, uno degli ultimi successi del regista italiano insieme a Hammamet.

A incantare i fotografi è stata, però, Sara Serraiocco, elegantissima, forse un po’ austera nel suo abito scuro. La Serraiocco, volto amatissimo dagli autori italiani negli ultimi tempi, interpreta sulla scena la cugina di Elio Germano e tenterà di difendere il professor Braibanti dalle accuse infamanti sul suo conto.

Il red carpet de “Il signore delle formiche”

Oltre i protagonisti del film ad attirare l’attenzione sono stati Francesca Chillemi e Can Yaman la coppia protagonista della fiction Viola come il mare, in onda su Canale Cinque. I due, nonostante non siano una coppia nella vita reale, hanno sfoggiato un elegante coordinato total black: lei un Micheal Kors Collection tempestato di paiettes, lui un Dolce e Gabbana con papillon e scarpe di vernice.

Innamoratissimi anche Stefano Accorsi e Bianca Balti che solcano il tappeto rosso in Dolce e Gabbana. Completo nero per lui, abito lungo con un tocco di bianco per lei.

Tra gli italiani sfila anche la ginnasta Carlotta Ferlito in Atelier Eme nella sua seconda giornata al Festival di Venezia. Un abito ceruleo che in molti hanno giudicato troppo simile a quello della sua prima comparsa.

Avvocathy, questo è il modo in cui l’avvocata influente si fa chiamare sui social, è comparsa sul red carpet nonostante le voci contrarie a una presenza giudicata inspiegabile. Tuttavia il film tratta di un caso di diritto penale, parla con i termini della legge e chi meglio dell’avvocato-social avrebbe potuto rappresentarlo? Avvocathy si presenta con un tailleur giocoso, che non si prende troppo sul serio e che rispecchia appieno la sua personalità.

Altro influencer, Tommaso Zorzi, sorride ai fotografi nel suo smoking nero, uno dei migliori look maschili visti al Lido quest’anno. Colpisce il dettaglio dell’ultimo bottone della giacca che, probabilmente faceva fatica a chiudersi.

Tra i volti internazionali spicca senza dubbio quello della bellissima Leonie Hanne che solca il tappeto in un abito meraviglioso, forse troppo elaborato per l’occasione, firmato George Shobeika. Aderente, ricco di piume e strasse il vestito ha incantato il pubblico che ha accolto la fashion blogger con un applauso ricco di complimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button