Servizi Economia e società

Scrigno del Doge, le eccellenze Veneziane

Venezia come esperienza sensoriale che racchiuda il meglio di una tradizione millenaria. È questo lo spirito dello "scrigno del doge", un modo per rinnovare l'accoglienza ai turisti. Un vero e proprio scrigno di tesori che è diventato anche un film. Ce ne parla il suo ideatore Vittorio Baroni

Uno scrigno in legno prezioso presentato nel caffè Florian a San Marco, il più antico d’Italia.  L’iniziativa “Scrigno del Doge” celebra la ricorrenza di be tre anniversari: 1600 anni dalla fondazione di Venezia, 300 anni di oreficeria Meneghetti e 300 ani del Florian.  Il progetto nasce con l’intenzione di rivalorizzare la tradizione artigiana e un turismo di qualità. Da qui il simbolo tema del progetto, l’ape, l’animale della laboriosità.

Scrigno del doge

“Il progetto Scrigno del Doge richiama la storia di Venezia e le sue antiche tradizioni, come quella del merletto di Burano, in iter per la candidatura a patrimonio Unesco – interviene la presidente del consiglio comunale Ermelinda Damiano. “Oggi ci sono ancora merlettaie al lavoro che vogliono trasmettere alle nuove generazioni la propria arte per far sì che questa non scompaia.”

Il progetto

Le eccellenze dell’artigianato veneziano stanno patendo una crisi senza precedenza, ma la città è oggi simbolo di rinascita e di ripartenza in tutto il mondo. La mostra del Cinema e la Regata Storica del Campiello sono prove della resilienza dello spirito Veneziano.

Lo Scrigno del Doge nasce dalla collaborazione tra sette diverse imprese artigiane.  Contiene parure di api in oro/argento con anello, pendente e orecchini, i vasetti di miele di Sant’Erasmo, il cucchiaino d’argento appositamente creato per l’occasione e una tovaglietta che raffigura, con la tecnica del merletto di Burano, l’ape.

La presentazione dell’iniziativa

Raffigura un’ape in merletto anche la tovaglietta creata dall’atelier Martina Vidal che, per l’occasione, ha anche rivestito una mascherina chirurgica con una particolare stoffa che riproduce la pavimentazione della chiesa dell’isola di San Giorgio. Per la presentazione dello Scrigno lo Chef Pâtissier Cristiano Strozzi, ha ideato un dolce di alta pasticceria: una tortina monoporzione con base al miele di Sant’Erasmoricetta che sarà divulgata ai docenti pasticceri dell’istituto alberghiero Barbarigo. Insieme al tortino il Florian ha presentato due nuove essenze per la casa ed un profumo ispirato alla prima acqua di colonia, creata nel Settecento da un profumiere italiano

Al progetto “Lo Scrigno del Doge” inoltre, è dedicato il film corto di Samuele Semenzato, pellicola dedicata alla Venezia che non si arrende.

Lo Scrigno del Doge è in vendita, anche su prenotazione, alle gioielleria Meneghetti di campo San Bortolomeo

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button