Servizi Cultura e spettacolo

Gallerie dell’Accademia di Venezia riaprono al pubblico

Da martedì 26 maggio, le Gallerie dell'Accademia di Venezia, tra i primi musei italiani a riprendere l’attività dopo oltre due mesi di chiusura, hanno riaperto le porte al pubblico

Le Gallerie dell’Accademia di Venezia, sono tra i primi musei italiani a riprendere l’attività dopo oltre due mesi di chiusura. Oggi primo giorno di riapertura con accesso contingentato a un massimo di 130 persone, mascherina obbligatoria, distanza di sicurezza di due metri e controllo della temperatura. Ma sentiamo il messaggio di benvenuto del direttore delle Gallerie dell’Accademia di Venezia Giulio Manieri Elia.

Gallerie dell’Accademia di Venezia

“Oggi è un giorno importante non soltanto per le Gallerie dell’Accademia – ha dichiarato il direttore Giulio Manieri Elia -, ma anche per la città di Venezia e per la ripartenza nazionale dell’arte e della cultura. Grazie allo sforzo di tutti i nostri dipendenti e dei collaboratori abbiamo potuto riaprire il Museo, in condizioni di totale sicurezza, permettendo ai visitatori di ricongiungersi a questo straordinario patrimonio unico al mondo”.

Una visita diversa

È una visita senz’altro diversa rispetto al solito, più intima e contemplativa, a contatto diretto con i grandi capolavori della più ricca collezione di arte veneta del mondo, tra i quali spiccano la Tempesta di Giorgione, il Miracolo dello schiavo di Tintoretto, la Madonna dei Cherubini rossi di Giovanni Bellini, la Madonna con bambino di Tiziano e l’intero Ciclo delle Storie di Sant’Orsola di Carpaccio.

Tessera annuale

Per fidelizzare ulteriormente i visitatori, le Gallerie dell’Accademia hanno studiato, nei mesi precedenti la chiusura dettata dalle norme per il contenimento del Covid-19, una tessera annuale che dà diritto a un accesso preferenziale e illimitato alle collezioni permanenti e prevede benefit esclusivi, tra i quali la riduzione del biglietto per un accompagnatore (al costo di 7 euro anziché 12), inviti a lecture, inaugurazioni e altri momenti importanti della vita del Museo, oltre allo sconto del 15% su tutti i prodotti del nuovo bookshop, inaugurato lo scorso novembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close