Articoli di Cronaca

Influenza Aviaria in Veneto: il provvedimento dell’Ulss4

Ulss4: i polli di allevamenti rurali devono essere custoditi in aree delimitate. Il provvedimento è volto a prevenire eventuali focolai

In questi giorni la direzione dell’unità operativa Sanità Animale dell’Ulss4 ha inviato una lettera ai 21 sindaci del Veneto orientale per comunicare gli ultimi provvedimenti volti a prevenire la diffusione dell’influenza aviaria.

Influenza aviaria

La novità riguarda di tutti soggetti interessati alla gestione degli allevamenti avicoli (polli, anatre, galline) di tipo rurale e prevede l’obbligo, laddove non avessero già provveduto, di trasferire il pollame ed altri volatili allevati all’aria aperta, all’interno di aree coperte, delimitate e confinate con strutture che impediscano ogni possibile contatto con l’avifauna selvatica. I primi cittadini sono stati inoltre invitati a verificare l’applicazione di quanto indicato.

Il commento dell’Ulss4

“Questa è la più efficace forma di prevenzione volta ad impedire il diffondersi dell’influenza aviaria – sottolinea il direttore dell’area Sanità Animale, Rodolfo Viola – . Allo stato attuale sono diversi i focolai che hanno colpito sia allevamenti industriali che rurali. Il numero di capi interessati è notevole e sono in corso abbattimenti selettivi. Al momento la malattia è concentrata principalmente nella provincia di Verona. Proprio per il suo andamento nella diffusione vi è la massima attenzione in tutta la Regione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button