Servizi Sport

Danilo Rispo: da Torino a Rosolina in bici. Una sfida con sé stessi

Un'impresa non eccezionale ma che vuol essere di stimolo a tutti per lasciare l'auto in garage e inforcare la bicicletta. É quello che ha fatto Danilo Rispo percorrendo la ciclovia che segue il corso del Po da Torino a Rosolina mare

600 km in bicicletta. Certo, non un’impresa titanica, ma per un tipo decisamente poco sportivo come Danilo Rispo, una magnifica avventura, anche perchè nata con lo scopo di sensibilizzare le persone nei confronti della mobilità sostenibile.

Danilo Rispo, Torino – Rosolina Mare in bicicletta

“Sono finalmente arrivato. In questo momento sono visibilmente emozionato. E’ stata una bella esperienza. All’inizio quando sono partito avevo paura, perchè pensavo di non farcela. Infatti, quando ho raccontato questa cosa che ho deciso di fare, ho detto che ormai sono un signore di mezz’età, ho quasi 50 anni, 5 anni fa ho avuto un infarto, e ho deciso di mettermi in bicicletta e fare tutta la Ven-to. E ce l’ho fatta.”

Così Danilo ha inforcato la bici a Torino, sotto la mole antonelliana e seguendo il tracciato del Po, attraverso la ciclovia Ven-To, ovvero Venezia-Torino, al ritmo di 50-70 km al giorno, è arrivato a Rosolina Mare. La sua cittadina adottiva.

“Rosolina Mare è il mio paese adottivo, ci ho lasciato il cuore, anche perchè mi sono sposato qua, a Rosolina Mare. Percorrerlo è fantastico. E’ grande e possente, si vedono dei borghi sensazionali. In ogni posto in cui mi fermavo, c’era qualcuno che mi accoglieva e mi faceva vedere le bellezze del posto. Da Casale Monferrato fino ad arrivare a Guarda Veneta. Davvero una bellissima esperienza e dei posti fantastici.” Afferma Rispo.

E a Rosolina, Danilo Rispo è stato accolto dall’abbraccio caloroso di amici e parenti, ma non solo.

“Ti consegno questo semplice dono che viene da parte del territorio di Rosolina. Perchè Rosolina Mare non è solo turismo, non è solo spiaggia, ma è anche il territorio del Delta, che è ricco di prodotti che la natura ci dona, come il riso, la farina, il radicchio e le vongole… Quindi ti diamo il benvenuto sia con il nostro ambiente, ma anche con i nostri prodotti.”

Con modestia, Danilo sostiene che se ce l’ha fatta lui, chiunque può fare altrettanto. Non a caso, il titolo della sua impresa è “Se ci provo io…”

“Se ce l’ho fatta io, ce la può fare chiunque”

“Sui social scrivevo e la gente mi diceva: ‘io con quella bici non ci andrei neanche a prendere il giornale’, però ce l’ho fatta, anche se devo dire che era tutta in discesa quindi non ho fatto nessuna impresa… questo per dirvi che venire da Torino fino a Rosolina passando per la Ven-To, si può fare. Adesso non è più ‘se ci provo io…’, se ce l’ho fatta io, ce la può fare chiunque.” Dichiara Danilo.

Il viaggio in city bike ha permesso a Danilo di entrare in contatto con il mondo lento del ciclo-turismo e di apprezzare l’ospitalità e la bellezza dei paesaggi. Tante cose che viaggiando in macchina si perdono.

“Un’esperienza fantastica. Vedere il Po è veramente possente, bello e in credibile. Arrivare a Rosolina mi rende emozionatissimo e ringrazio veramente tutti per l’accoglienza.” Conclude così Danilo Rispo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button