Articoli di Cultura e Spettacolo

“Biondo veneziano”, una delle più irresistibili armi di seduzione delle dame veneziane

Nella Venezia della Serenissima, le donne più ammirate e alla moda erano coloro che sfoggiavano una chioma dorata, considerata più esotica

Due libbre di allume, sei once di zolfo nero, quattro once di miele in distillazione con acqua. Non è la formula di una strega per una pozione dai poteri straordinari, ma sicuramente per le dame veneziane del Seicento qualcosa di magico questa miscela lo aveva. Si tratta, infatti, di una delle tante ricette per ottenere l’iconica tinta di capelli chiamata “biondo veneziano”, celebre in tutta Europa ed esaltata da grandi pittori dell’epoca come Tintoretto e Tiziano.

Nella Venezia della Serenissima, le donne più ammirate e alla moda erano coloro che sfoggiavano una chioma dorata, considerata più esotica. E, se non era madre natura a dotarle di questa irresistibile arma di seduzione, erano pronte a sottoporsi ad una serie infinita di trattamenti dai dubbi ingredienti pur di assicurarsi l’agognata sfumatura.

Biondo Veneziano

Cangiante ma allo stesso tempo sofisticato, costituito da una base rossa con riflessi biondi all’interno che, abbinato ad un incarnato chiaro, riesce a tirare fuori la femminilità e l’intensità dello sguardo, accendendo di luce le acconciature femminili. Questo è il biondo veneziano, il colore di capelli più tipico della città lagunare durante l’età moderna.

Quello dello schiarirsi i capelli con l’aiuto di una tintura era un complicato rituale che le donne veneziane di ogni età ed estrazione sociale si tramandavano principalmente per via orale, volendo custodire gelosamente i loro segreti di bellezza. Tuttavia, alcuni ricettari del XVI e XVII secolo ci raccontano di miscele di olio d’oliva e residuo della fermentazione del vino bianco, oppure di lozioni a base di spezie, erbe, cenere e addirittura urina, che dovevano essere stese più volte sulla capigliatura con una piccola spugna, lo sponzariol.

Come ottenere il biondo luminoso

Dopo aver intinto le proprie chiome con queste preparazioni, si proseguiva con una fase fondamentale per ottenere il biondo luminoso, ovvero l’esposizione al sole. E a Venezia esisteva una struttura architettonica perfetta per questo passaggio: si tratta dell’altana, la loggetta posta nella parte più elevata di un palazzo.

Proprio qui, indossando una tunica di tessuto leggero chiamata schiavonetto e mettendosi in testa la solana, un cappello di paglia privo di cupola e con larghe tese, le dame veneziane passavano lunghe ore sedute a pettinarsi e spargendo i capelli, appena lavati e ancora bagnati, in modo che i raggi del sole potessero agire, rendendo possibile la magica trasformazione.

Se, tuttavia, non si voleva correre il rischio di scurirsi la pelle con le lunghe ore di esposizione al sole, si potevano impiegare tinture più veloci a base di liscivia, la miscela di carbonato di sodio e di potassio che si otteneva versando acqua bollente sulla cenere di legno o di carbone. Talvolta nel composto si aggiungevano anche altri ingredienti, come semi d’ortica, infusi di crespigno, o il brodo di cottura delle foglie d’edera.

Una volta terminato questo rituale di bellezza, i capelli venivano detersi con olio d’oliva e albume d’uovo montato.

Le dame veneziane

Qualunque fosse la “pozione magica” a cui ci si affidava, per le esperte e abili mani delle dame veneziane il risultato era sempre certo e, con poca o molta pazienza, riuscivano a dettare la moda nel resto d’Europa, proponendo un’immagine femminile seducente ed esotica, che solo a Venezia poteva esistere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Disattiva AdBlock per sostenerci

Televenezia ogni giorno mette a disposizione informazioni e contenuti gratuiti. La libertà d'informazione deve essere sostenuta e Televenezia lo fa anche grazie ai banner pubblicitari. Sostienici e disattiva AdBlock