Ristoratore arrestato con hashish e cocaina a Marghera

I Carabinieri della Compagnia di Mestre, nello specifico i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile, nell’ambito di predisposti servizi volti al controllo del territorio, già potenziati nelle scorse settimane hanno arrestato, in flagranza di reato, un ristoratore B.G., 40enne veneziano residente nel quartiere alle porte del parco di San Giuliano, per detenzione a fine di spaccio di stupefacenti. Si tratta dell’ennesimo colpo effettuato dai Carabinieri di Mestre che da tempo sono particolarmente attivi nel contrasto al diffuso fenomeno dello spaccio in diverse piazze dell’area metropolitana.

L’operazione

L’operazione, portata a termine anche questa volta con il prezioso ausilio delle unità cinofile della Polizia Locale di Venezia, è scattata nei pressi dell’abitazione dell’uomo quando, a seguito di una pregressa attività di controllo effettuata a ridosso di alcune palazzine del quartiere San Teodoro, era emerso un sospetto via-vai di giovani. Scontato a questo punto il controllo accurato dell’abitazione che ha consentito di rinvenire 9 ovuli di hashish del peso di 100 grammi circa e un involucro con 4 grammi di Cocaina.

L’attività del ristoratore

L’attività, proseguita all’interno dell’appartamento dell’uomo, ha poi consentito di rinvenire materiale vario utilizzato per la pesatura, il taglio ed il confezionamento delle singole dosi ed una elevata somma di denaro (quasi 8.000 Euro) ritenuta provento di spaccio. La tipologia dello stupefacente e del materiale rinvenuto, sono indice della fiorente attività di spaccio che l’uomo aveva in zona e anche presso il locale che gestiva.

Tutto quanto rinvenuto è stato posto in sequestro mentre l’uomo, già gravato da numerosi pregiudizi penali, è stato dichiarato in stato di arresto per detenzione di sostanza stupefacente destinata allo spaccio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here