Servizi Economia e società

Renzo Mazzaro: recupero di relitti e capannoni in Veneto

Tanti i relitti abbandonati nella laguna e circa 11.000 capannoni abbandonati in territorio veneto. Le iniziative per il recupero nel punto di Renzo Mazzaro

Le parole di Renzo Mazzaro sulle ultime notizie su cui riflettere: “Ci sono delle notizie minori che rischiano di passare inosservate, invece, secondo me, sono interessantissime.

Il recupero dei relitti in laguna e il commento di Renzo Mazzaro

Per esempio, questa settimana – continua Renzo Mazzaro – è in corso nella laguna veneta il recupero di barche abbandonate, di vetro resina, di legno, dismesse. I proprietari le hanno abbandonate lì dove capitava. Sono relitti che si trovano nei canali, nelle secche, in posti difficili da raggiungere. Alcune si intravedono appena e quando c’è l’altare marea non le vedi e ci vai addosso senza accorgertene e inquinano. Questo recupero, che potrebbe sembrare cosa minore, invece è importantissima.

Pensate che nel 2020 hanno fatto un censimento e risultava, soltanto nella zona di San Giuliano, Marghera, che ce ne fossero ottanta di questi relitti abbandonati. Questo recupero viene fatto questa settimana da volontari, da organizzazioni ambientaliste, anche enti pubblici e c’è uno sponsor che mi piace citare, perché è un mecenate, ossia le “Cantine Maschio”.

Ovviamente il materiale può essere riciclato e riutilizzato anche in aziende che sono interessate a materiali ancora utilizzabili. Se volete saperne di più, potete chiamare il Comune di Venezia, oppure il comune di Cavallino, che sono gli enti pubblici che si sono interessati a questo recupero.

Il recupero dei capannoni in Veneto

La seconda notizia riguarda i capannoni nel Veneto. Sapete quanti capannoni inutilizzati, vuoti e abbandonati? 11.000 su 92.000, i quali sono il 20% del territorio occupato da immobili nel Veneto. Sono disposti qui e lì, nella campagna. Perché in alcuni posti hanno fatto delle zone industriali e li hanno concentrati, e noi, invece, nel Veneto abbiamo fatto uno sviluppo caotico, come veniva. In ogni paese c’è la chiesa, il campanile, il campo santo e la zona artigianale o industriale.

Questi 11.000 capannoni potrebbero essere riutilizzati. Cosa farne? Intanto chi ha fatto questo censimento sono gli imprenditori di Confindustria di Padova e Treviso e non è stato facile perché bisognava mettere d’accordo enti che non si parlano per niente. Ad esempio, comuni, provincie, il catasto, l’agenzia delle entrate. Sono arrivati a capo e ne hanno individuati 11.000, che potrebbero essere riutilizzati.

Confindustria di Padova e di Treviso ha costituito un portale che si chiama “Capannoni on/off) dove le aziende possono cercare il capannone che può ancora servire loro, invece che farne un altro. Ed è bello sapere che siano gli industriali, i veneti, come prima iniziativa in Italia, a pensare a fare questa operazione di riutilizzo, di recupero. Dopo aver, per anni, per decenni, costruito ovunque pur di produrre, è bello sapere che si cerca di rimediare a uno sviluppo caotico che andava, invece, controllato.

Anche perché non succede spesso.”

Leggi anche: Via Piave: l’illegalità anche in negozi stranieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Disattiva AdBlock per sostenerci

Televenezia ogni giorno mette a disposizione informazioni e contenuti gratuiti. La libertà d'informazione deve essere sostenuta e Televenezia lo fa anche grazie ai banner pubblicitari. Sostienici e disattiva AdBlock