Servizi Cronaca

Animali da richiamo: carabinieri scoprono un vasto traffico illegale

Vendevano uccelli selvatici protetti anche a 500 euro l'uno, per fare da richiamo durante la caccia o a chi li voleva detenere in gabbia. Scoperto un giro d'affari di centinai di migliaia di euro

I carabinieri forestali hanno scoperto un vasto traffico illegale di volatili selvatici venduti come animali da richiamo per la caccia o a scopo amatoriale.

104 denunce e 2500 sequestri

Il loro valore nel mercato aveva raggiunto anche i 500 euro per esemplare e i militari della Sezione Operativa Antibracconaggio e Reati a Danno degli Animali (S.O.A.R.D.A.) hanno denunciato 104 persone coinvolte nel business e sequestrato 2500 uccelli vivi. Elevate anche 44 sanzioni amministrative per 32.000 euro.

Animali da richiamo

La fauna selvatica è per legge protetta come ‘patrimonio indisponibile dello Stato’. Pertanto, ogni animale allevato deve avere un anello di metallo, applicato senza provocare sofferenza ma utile per distinguerlo e tutelarlo.

Si tratta di una sorta di “Sigillo di Stato” che i trafficanti denunciati avevano contraffatto e apposto ad uccelli catturati illegalmente, come Cardellini, Lucherini, Frosoni, Verdoni con reti, trappole, richiami acustici e colle e poi maltrattati durante l’inanellamento. Dando vita ad un giro d’affari per centinaia di migliaia di euro l’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button