Articoli di Cronaca

Mestre: multati barista e 8 clienti. A rischio la chiusura del locale

A causa di violazione delle misure anti-Covid, a Mestre sono stati multati un barista e 8 clienti dalla polizia locale

Nella giornata di sabato 6 Marzo, la polizia locale ha multato un barista e 8 clienti del suo locale, a Mestre per la violazione delle misure anti-Covid.

Violazione in un bar di Mestre

Prosegue nel weekend il lavoro di controllo per il contenimento degli assembramenti portato avanti dalla Polizia locale a Venezia e in terraferma. Nella giornata di sabato 6 marzo, le forze dell’ordine hanno effettuato diversi controlli, tra le 15 e le 18, finalizzati a prevenire assembramenti e a contenere la movida.

In particolare, il Nucleo operativo è intervenuto per bloccare l’attività di somministrazione di bevande oltre le 18 svolta, nonostante i divieti in vigore, da un bar di via Cappuccina a Mestre. Sempre in terraferma, in Riviera XX settembre, agenti del Pronto intervento hanno sanzionato un 20enne trovato in stato di ubriachezza e privo di mascherina.

I controlli della Polizia locale

In via Cappuccina, intorno alle 18.45 di sabato, gli agenti in pattuglia hanno rilevato almeno tre somministrazioni irregolari oltre l’orario consentito da parte del gestore di un bar. I clienti continuavano ad assumere alcolici davanti alla serranda semi abbassata dell’esercizio pubblico.

In totale, al termine dei controlli, otto clienti hanno ricevuto una sanzione, per 400 euro ciascuno. Medesima sanzione per il barista, che rischia anche, da provvedimento del Prefetto, la chiusura temporanea del locale.

I continui accertamenti

Sempre nella giornata di ieri un ragazzo di 20 anni, di origine albanese, è stato raggiunto da un Daspo urbano. Questo gli impone il divieto di accedere al centro di Mestre e alle zone più frequentate della movida per 48 ore.

Il giovane, come detto, è stato fermato in stato di evidente ubriachezza e con il volto non coperto da mascherina. In generale, comunque, la Polizia locale non ha riscontrato altre criticità rilevanti nonostante le molte persone in circolazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button