Radio Venezia Musica

Maneskin candidati ai Grammy

I Maneskin hanno conquistato una candidatura ai Grammy 2023 nella categoria miglior nuovo artista. L'annuncio 'live' sul sito della Recording e a breve anche l'uscite del nuovo album, "RUSH!"Academy.

Con la programmata uscita il 20 gennaio il nuovo album “RUSH!”, i Maneskin continuano sulla cresta dell’onda. Si aggiunge, però, la prima nomination per la band italiana annunciata oggi dalla vincitrice della scorsa edizione Olivia Rodrigo per i Grammy. Dunque, pochi giorni prima della cerimonia dei Grammy in programma il 5 febbraio in prima serata, i Maneskin vedranno uscire anche il loro nuovo album.

Grammy 2023 e “RUSH!”, il nuovo album dei Maneskin

L’annuncio della candidatura ai Grammy arriva mentre Victoria, Damiano, Thomas e Ethan stanno vivendo un anno pieno di grandi successi su scala internazionale: a fine ottobre sono partite le date statunitensi del ‘Loud Kids Tour’ con uno spettacolo tutto esaurito al The Paramount Theatre di Seattle.

La rockband italiana dovrà battere la concorrenza di Anitta Omar Apollo, Domi e JD Beck, Muni Long, Samara Joy, Latto, Tobe Nwigwe, Molly Tuttle e Wet Leg.

La nomination nella categoria “Best new artist” non è l’unica a interessare il gruppo romano. La colonna sonora del film “Elvis” è candidata nella categoria “Best Compilation Soundtrack for Visual Media” e una delle canzoni della colonna sonora – “If I Can Dream” – è cantata proprio dai Maneskin, che potrebbero godere di un doppio trionfo il prossimo 5 febbraio 2023, in occasione della 65esima edizione dei Grammy Awards.

Le parole della band

La nomination è stata annunciata sui canali social dell’Academy e subito ricondivisa sul profilo ufficiale Twitter della band romana. “Oh mio Dio! Non riusciamo a credere ai nostri occhi e alle nostre orecchie, ma siamo appena stati nominati come Best New Artist ai Grammys!!”, hanno scritto sul web Damiano, Victoria, Ethan e Thomas, che hanno colto l’occasione per ringraziare i milioni di fan in tutto il mondo: “Non potremmo davvero essere più grati e entusiasti per questo! Grazie all’Accademia e a tutti voi che ci avete sempre sostenuto con affetto”.

Leggi anche: Alberto Franchetti, un compositore da riscoprire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Disattiva AdBlock per sostenerci

Televenezia ogni giorno mette a disposizione informazioni e contenuti gratuiti. La libertà d'informazione deve essere sostenuta e Televenezia lo fa anche grazie ai banner pubblicitari. Sostienici e disattiva AdBlock