Servizi Economia e società

Studenti a caccia di alloggi vittime di speculatori

Mai come quest'anno gli studenti universitari sono a caccia di alloggi, sia a Venezia che a Padova e a Treviso.

Mai come quest’anno gli studenti universitari sono a caccia di alloggi, sia a Venezia che a Padova e a Treviso.

Problematiche per gli alloggi universitari

La domanda è esplosa dopo la ripresa delle lezioni in presenza, anche per l’aumento delle iscrizioni di studenti stranieri negli atenei veneziani e di Padova a cui non è seguita un’offerta adeguata. Del fenomeno se ne stanno occupando rettori, agenti immobiliari, enti locali e sotto accusa a Venezia sono finiti i proprietari che danno in affitto le loro case ai turisti.

Ma almeno per quanto riguarda i contratti che rispettano la legge, non è proprio così.

Le parole di Luca Segalin, Segretario confederale Confedilizia Venezia sull’affitto di appartamenti per studenti

Le parole di Luca Segalin, Segretario confederale Confedilizia Venezia: “Non è vero che la locazione turistica sottrae case alle locazioni universitarie, perché gli appartamenti della locazione turistica sono completamente diversi e hanno caratteristiche diverse da quelli degli studenti universitari. Sono soggette a normative diverse e sono incompatibili fra loro.”

Se a Venezia gli studenti si trovano a competere con i turisti è solo perché o si trovano ad incrociare le spade con chi è disposto a pagare in nero e accettare alloggi di fortuna, come nel caso di un sottoscala scoperto quest’estate. O ad accettare i rincari vertiginosi applicati dai proprietari che scelgono, così, contratti liberi.

“I locali universitari sono pattuiti in base agli accordi territoriali fra i sindacati dei proprietari e i sindacati degli inquilini. Quindi se ci sono tanti graditi, anche nei sindacati degli inquilini, vuol dire che in qual che modo sono dei canoni calmierati. Va anche detto che molto spesso gli appartamenti degli studenti universitari vengono precettati da un anno per l’altro, da una stagione per l’altra. Ormai certi inquilini sono fidelizzati, quindi rimangono di anno in anno sempre per lo stesso appartamento.

Quindi, è difficile che si liberino degli appartamenti a mano che non succeda qualcosa, che qualcuno sia all’ultimo anno del corso e quindi, naturalmente, l’appartamento rimane libero. Dunque, queste dichiarazioni sui cari affitti sono probabilmente a carico di quei proprietari che non vogliono affittare con affitti concordati, ma con contratto libero.”

Leggi anche: Sfruttamento sessuale in due centri massaggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Disattiva AdBlock per sostenerci

Televenezia ogni giorno mette a disposizione informazioni e contenuti gratuiti. La libertà d'informazione deve essere sostenuta e Televenezia lo fa anche grazie ai banner pubblicitari. Sostienici e disattiva AdBlock