Radio Venezia Musica

U2: “The Joshua tree” è l’album degli anni ‘80

Un sondaggio fra ascoltatori di BBC Radio 2 (fra le più seguite in UK), ha decretato miglior album degli anni '80 "The Joshua tree" degli U2.

“The Joshua tree” degli U2 è il miglior album degli anni ’80, secondo questo sondaggio fra gli ascoltatori di BBC Radio 2 (una delle più seguite nel Regno Unito), lanciato in occasione del National Album Day, la giornata in cui oltremanica viene celebrato l’oggetto disco, che ricorre il 10 ottobre.

Posizione d’onore per Brothers in arms dei Dire Straits, quindi l’album omonimo di The Stone Roses. Seguono, nell’ordine: “Thriller” di Michael Jackson, “Appetite for destruction” dei Guns N’ Roses, “Dare” degli Human League, “The Queen is dead” degli Smiths, “Graceland” di Paul Simon, “The lexicon of love” degli ABC e “Purple rain” di Prince. Fuori dalla top 10, titoli molto popolari: “Rio” dei Duran Duran, “Born in the U.S.A.” di Bruce Springsteen, “Back in black” degli AC/DC, “Faith” di George Michael, “True blue” di Madonna e “Let’s dance” di David Bowie.

“The Joshua Tree” è il quinto album realizzato dagli U2

“The Joshua Tree”, pubblicato nel 1987, è il quinto lavoro della band irlandese, preceduto da “Boy”, del 1980, “October” (1981), “War” (1983) e “The unforgettable fire” del 1984. «Abbiamo avuto il privilegio di tornare a suonare “The Joshua tree” dal vivo in tutto il mondo negli ultimi anni ed è stata quasi una chiusura del cerchio», ha dichiarato il chitarrista The Edge, commentando i risultati dell’indagine e sottolineando l’attualità del disco, cui faceva da sfondo la Guerra Fredda.

Permise loro di vincere i primi Grammy Awards

Prodotto da Daniel Lanois e Brian Eno, registrato nel 1986 ai Windmill Lane Studios nella capitale irlandese Dublino, “The Joshua Tree” permise agli U2 di aggiudicarsi i primi due Grammy Awards della loro lunga e onorata carriera come “Album of the Year” e “Best Rock Performance by a Duo or Group“. Conteneva, tra gli altri, i famosi singoli With or without you, “I still haven’t found what I’m looking for” e Where the streets have no name.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button