Radio Venezia Musica

Ivano Fossati compie 70 anni: una grande penna

70 anni di musica d'autore: l'addio alle scene 10 anni fa, ma sua opera ha lasciato il segno

70 anni fa nasceva a Genova Ivano Fossati. Classe 1951, artista schivo e musicista d’eccezione, Fossati ha lasciato impronte indelebili con la sua musica. Continua a farlo oggi come cinquant’anni fa, all’inizio della sua carriera, nonostante l’ufficiale ritiro dalle scene 10 anni fa.

A cinquant’anni dall’inizio

Ha cominciato nel 1971 con i Delirium, arrivando al successo l’anno successivo con il brano “Jesahel,” a Sanremo. Poco dopo lascia il gruppo e comincia il suo percorso da solista, difendendo la sua indipendenza intellettuale e creativa. Si tiene lontano dai più scontati circuiti mediatici e di mercato, e nel farlo ci regala capolavori che segnano la storia della musica italiana d’autore.

La sua discografia solista (20 album dal 1973 al 2011, i più celebri dei quali “La mia banda suona il rock” del 1979 e “Lindbergh – Lettere da sopra la pioggia” – 1992) ha inciso in modo profondo nella cultura musicale italiana. “La mia banda suona il rock” e “Panama e dintorni” sono esempi felici di come la canzone d’autore abbia incontrato il rock e primi capitoli di una produzione capace di conciliare strutture musicali sofisticate e testi raffinati.

Una grande penna

Fossati ha scritto non solo per sé, ma ha regalato pezzi di vera poesia a tanti colleghi. Da “Un’emozione da poco” con cui Anna Oxa debuttava all’Ariston nel 1978 a “Non sono una signora”, manifesto rock di Loredana Bertè datato 1982. La collaborazione con Mia Martini, con la quale ha avuto una lunga relazione, dà vita a brani intramontabili come “La costruzione di un amore” (1978). Ha avuto un ruolo determinante anche nella carriera di Fiorella Mannoia a partire dal 1988, con “Le notti di maggio”, e che passa anche dal grande successo de “I treni a vapore”.

La sua lezione più importante è stata trasformare l’eleganza della musica e la forza dei testi in canto collettivo, mescolare successo popolare e poesia, rivendicando sempre una totale indipendenza.

Buon compleanno, Ivano Fossati!

“La fortuna di avere 70 anni, se te li sai un po’ gestire, è che puoi dire di no ancora più di prima quando vuoi e come vuoi e al tempo stesso dire di sì anche alle cose più spiazzanti – ha detto in un’intervista a Rolling Stone -: se ti va di fare una cosa spiazzante devi dire semplicemente sì e la fai. E’ fantastico, è una libertà che avevo già prima, ma che ora si è amplificata e moltiplicata”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button