Radio Venezia Musica

Eurovision 2022: trionfa l’Ucraina con i Kalush

Come previsto da giorni dai bookmaker, il gruppo ucraino Kalush ha vinto l'Eurovision Song Contest 2022. Zelensky: prossima edizione a Mariupol.

Come previsto da giorni dai bookmaker, il gruppo ucraino dei Kalush ha vinto l’Eurovision Song Contest 2022. Il che li ha portati alla vittoria è ‘Stefania’. Il gruppo si è così dimostrato capace di toccare il cuore del pubblico.

L’impegno politico

Ma oltre all’impatto emotivo, è importante sottolineare quello politico. Il gruppo si è fatto portavoce della causa ucraina su un palco molto importante e prestigioso. Infatti, si pensi che solo in Italia circa 6,6 milioni di persone hanno assistito alla finale. Proprio per sensibilizzare le persone comuni e mantenere alta l’attenzione dei media su quanto sta succedendo nel loro Paese, hanno deciso di rischiare l’eliminazione. A fine esibizione hanno infatti lanciato un appello per Mariupol e l’acciaieria Azovstal.

Il cantante e leader dei Kalush, Oleh Psjuk, dichiara: “La squalifica era un prezzo che non avrei esitato a pagare per far passare il mio messaggio. La nostra gente è bloccata nell’acciaieria e non può uscire. Bisogna liberare quelle persone e per farlo abbiamo necessità di far circolare le informazioni, di fare pressione sui politici”. Fortunatamente il messaggio è stato ritenuto conforme al regolamento perché umanitario e non politico.

L’Eurovision 2023 in Ucraina

“Il nostro coraggio impressiona il mondo, la nostra musica conquista l’Europa. L’anno prossimo l’Ucraina ospiterà l’Eurovision per la terza volta nella storia e faremo il possibile affinché possa essere Mariupol la città ospitante”, scrive il presidente Zelensky.

I Kalush non hanno ancora avuto la possibilità di parlare con il presidente e tantomeno con le loro famiglie. “Difficile dire cosa succederà ora. Per essere a Torino abbiamo avuto un permesso temporaneo fino a domani. E come ogni ucraino siamo pronti a combattere, come possiamo e fino a quando possiamo”. Il successo all’Eurovision, infatti, ha un retrogusto amaro per la band. Nonostante le tante attestazioni di stima e le congratulazioni arrivate da mezzo mondo.

I vertici europei, in particolare, hanno fatto giungere i loro messaggi via social, in una ritrovata unione d’intenti. “L’augurio è che l’Eurovision del prossimo anno possa essere ospitato a Kiev in un’Ucraina libera e unita”, dichiara il presidente del Consiglio europeo Charles Michel. Cita alcuni versi della canzone vincitrice, ‘Stefania’: “Troverò sempre la strada di casa, anche se tutte le strade sono distrutte”.

Il video di ‘Stefania’

La Kalush Orchestra ha diffuso anche il video di ‘Stefania’, i cui proventi netti saranno devoluti da Sony Music Entertainment a un’associazione umanitaria scelta dalla band. Il video è girato a Borodyanka, Irpin, Bucha e Gostomel, le città ucraine martoriate dall’occupazione delle forze russe.

In onore del gruppo, il treno Kyiv-Ivano-Frankivsk si chiamerà ‘Stefania Express’, come riporta l’Unian citando il capo della società ferroviaria del Paese Ukrzaliznytsia, Oleksandr Kamyshyn, con le stazioni che saluteranno il treno con la canzone ‘Stefania’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button