ricette

La Frittata Perfetta: scopriamo i segreti!

Ecco i segreti della frittata perfetta, grazie alle dritte di Nonna Pina Superchef, a cominciare dagli ingredienti base: uova, sale, olio evo e parmigiano.

“Il ballo è servito”, il programma in onda su Radio Venezia con Sante lo chef della musica, vi svela tutti i segreti della Frittata Perfetta, grazie alla invidiabile maestria e alla sapienza, maturate con decenni di militanza ai fornelli, di Nonna Pina Superchef. Parliamo di quella fatta con gli ingredienti base, cioè uova, sale, olio extravergine d’oliva e parmigiano: il primo passo è sbattere “bene” le uova, fino a quando bianco e rosso si amalgamano, senza renderli troppo omogenei.

Uno sbattimento separato per fare la Frittata Perfetta

Per fare la vostra frittata più soffice, separate l’albume dal tuorlo di un uovo, aggiungete sale e parmigiano e sbatteteli separatamente, con la frusta, in due terrine diverse, quindi li amalgamate versando l’albume sul tuorlo, con delicatezza: le uova sbattute ingloberanno aria, e la frittata si gonfierà durante la cottura.

Una volta preparato il composto di uova e parmigiano, versate un filo d’olio evo in una padella antiaderente e scaldatelo per due minuti, a fuoco medio, abbassate la fiamma, aggiungete le uova sbattute e iniziate la cottura ricoprendo la padella con un coperchio.

Un trucchetto per non romperla quando si gira

Quando la superficie è quasi rappresa (dopo circa cinque minuti), è ora di girarla, prima però incidete il composto con una spatola di legno, così la parte liquida rimasta in superficie penetra verso il basso e si compatta.

Con la stessa spatola date due colpetti laterali alla padella, quindi se non siete abili di polso per girarla al volo, ribaltate la frittata sul coperchio o su un piatto (Un trucchetto per evitare che si rompa: in fase di preparazione unite al composto un cucchiaino di farina 00 e un cucchiaio di latte scremato). Giratala, lasciatela cucinare per almeno altri tre minuti e, dopo esservi resi conto con la spatola se il fondo è cotto, potete impiattarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button