ricette

I fichi secchi si fanno così (non è difficile!)

Per fare i fichi secchi basta solo esporli al sole (coperti con una garza che li protegga degli insetti), oppure si possono usare il forno o l’essiccatore.

Nonna Pina Superchef, guest star de “Il ballo è servito”, il programma in onda su Radio Venezia (tutti i giorni fra le 12.00 e le 14.00) con Sante lo chef della musica, ci insegna a fare i fichi secchi! Visto che, oltre a essere buonissimi, questi frutti sono facilmente deperibili, sarebbe utile imparare a essiccarli, anche perché non è affatto difficile. Unico problema: essendo ricchi di acqua, che in parte perdono con l’operazione, acquisiscono più saccarosio e glucosio, aumentando il loro apporto calorico… Basta non esagerare e consumare le porzioni suggerite dai nutrizionisti.

Per fare i fichi secchi basta solamente esporli al sole

Procedimento: una volta raccolti i fichi, tenendo presente che i migliori sono quelli caduti a terra perché hanno raggiunto il perfetto grado di maturazione, li pulite, li lavate e li asciugate, quindi li stendete su un graticcio in modo che l’aria circoli sopra e sotto, li coprite con una garza (per proteggerli dagli insetti!) e li esponete al sole per tutto il giorno, girandoli ogni 3-4 ore. Alla sera trasferiteli al coperto, per evitare l’umidità, e il mattino dopo rimetteteli al sole. Saranno pronti quando la buccia avrà assunto un aspetto rugoso e quando si schiacciano non uscirà più succo.

Si possono fare anche in forno o con l’essiccatore

In modo meno rustico, e a nostro avviso assai meno affascinante, si possono ottenere ottimi risultati anche essiccando i fichi nel forno. Meglio ancora con l’essiccatore, se ne siete dotate/i. In questo caso, dopo averli lavati e asciugati, preriscaldate il forno a 60° C e appoggiateli su una griglia, affinché l’aria circoli sopra e sotto, mettetela in forno e lasciate lo sportello leggermente aperto per evitare che si scaldino troppo. Una volta essiccati, sistemate i fichi in un contenitore a tenuta ermetica che custodirete in un luogo fresco, oppure teneteli in frigorifero o nel freezer. Se conservati correttamente, dovrebbero mantenersi per 18-24 mesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button