Radio Venezia Gossip

Armani ricoverato in ospedale per 2 settimane

Giorgio Armani racconta la verità sull'intervento: "Sono caduto di faccia per le scale. Colpa di due buzzurri"

Giorgio Armani prende la parola a fine sfilata e conferma le voci sul problema di salute. Il famoso stilista decide di svelare la verità sul suo intervento.

L’intervento di Armani alla sfilata

Alla fine della sua sfilata a Milano, il famoso stilista prende la parola davanti a tutti gli ospiti presenti che lo omaggiano con una standing ovation. A quel punto, conferma le voci sul suo problema di salute: si è fratturato una spalla ed è stato ricoverato in ospedale per ben due settimane.

La vicenda risale a circa un mese fa: “Sono caduto di faccia per le scale. Colpa di due buzzurri… Circolano le voci che sono stato ricoverato in ospedale. Ebbene, sì! È vero e per 15 giorni, più quelli fatti a casa. Perché ho avuto un incidente e sono stato operato”, spiega Armani al termine della presentazione della collezione Uomo Primavera-Estate 2022.

L’incidente dello stilista

“Quando hanno aperto i cinema ho pensato, finalmente, di andare a vedere un film. Ma, uscendo, ho incontrato sulla scala due buzzurri. Uno voleva farsi notare e l’altro vendermi dei libri. Erano seduti. Io sono passato, non ho trovato il gradino e sono caduto di faccia. Così ho ottenuto questo risultato. Mi sono rotto l’omero in più punti e me ne hanno dovuti dare diciassette per ricucire tutto. Però volevo esserci per questa sfilata e per la prossima a Parigi, quindi avete notato qualche piccola incertezza nel mio deambulare. Questo è il motivo.”.

Lo stilista si prende gli applausi insieme al suo storico assistente Leo dell’Orco. “Era giusto uscire con Leo, che da così tanti anni mi aiuta sulle collezioni maschili. È il mio collaboratore ed è molto bravo, così come mia nipote Silvana lo è sulle collezioni da donna. Ecco, sto preparando il mio futuro con le persone che ho in carico adesso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button