Servizi Cronaca

Zaia: verso zona arancione, Cts si esprima sulle scuole

Luca Zaia, Presidente Regione Veneto, mette in guardia i veneti sull'aumento dei contagi che sta avvenendo nella regione. Ascolta il servizio

“I parametri sono da zona arancione e a questo punto chiede al Cts il parere se chiudere la scuole, visto che i dati sono in possesso del comitato tecnico scientifico. A preoccupare è il periodo di infettività più lungo della variante inglese”. Avverte Luca Zaia.

Il bollettino di oggi

I dati di oggi riportano 1254 casi in più di ieri, i totali positivi in questo momento sono 22 949 (+617 rispetto a ieri). Diminuiscono i ricoveri in ospedale, oggi sono 1379: di cui 1217 in area non critica, con una diminuzione di 30 persone. Mentre in  terapia intensiva il dato è di 134 ricoverati, con una la aumento di 2 persone. I decessi sono 28.

Le dichiarazioni di Luca Zaia

“Se si guardano i dati del Veneto, noi tranne una giornata, dal primo gennaio ad oggi siamo sempre in calo. Se guardiamo invece i positivi vediamo che la percentuale sta pian piano aumentando. C’è preoccupazione. Primo perché dal punto di vista sanitario noi dobbiamo evitare di tornare a creare pressione ospedaliera.

Due perché con l’indice RT a 1 si ritorna arancioni. Ho chiesto ufficialmente che il CTS si esprima pubblicamente rispetto alla apertura delle scuole. Perché inutile aprire e poi fra un mese si piange perché c’è scappata di mano la situazione. O perché, oltre a chiedere ancora un sacrificio ai nostri operatori, dovremmo cominciare anche a caricare qualche paziente e portarlo fuori regione”. Queste le parole di Luca Zaia.

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button