Servizi Cronaca

Zaia: entro giugno dovremo vaccinare tutti

E' stato il Vaccino Moderna al centro della diretta di Luca Zaia. Il governatore ha forti speranze di vaccinare tutti entro giugno. Uno spiraglio, assieme alla notizia che le restrizioni varranno fino a febbraio anziché aprile

Il presidente della regione Veneto, Luca Zaia, interviene nella conferenza stampa a Marghera, parlando della campagna di vaccinazione in atto nella regione. Sono in arrivo diverse dosi di vari vaccini. La speranza è vaccinare la regione entro giugno

Il bollettino di oggi

I casi di oggi, nel Veneto, risultano essere 2086, in totale gli attualmente positivi sono 79825. Calano ancora i ricoverati e di conseguenza la pressione ospedaliera. Oggi, in totale, i ricoverati sono 3220. In zona non critica sono 2869, con una diminuzione di 119 rispetto a ieri. In terapia sono 351, con una diminuzione di 9.

Le dichiarazioni di Luca Zaia

“Da lunedì iniziamo a somministrare i richiami che abbiamo accantonato, in virtù del fatto che si compia diciamo il ventunesimo giorno della prima somministrazione. La fornitura di Pfizer continua con i parametri che conoscete. Noi ne avremo circa 40.000 settimana.

Sono arrivati, inoltre, i vaccini Moderna. Sono arrivate 7800 dosi e saranno dedicate esclusivamente agli over 80. Ovviamente si inizierà a vaccinare fuori dalle case di riposo, perché per le RSA stiamo andando avanti col Pfizer e posso dire che ragionevolmente con la seconda dose dovremmo chiudere alla volta di fine gennaio.

I target sono ospedali con 60mila dipendenti e case riposo altri 60mila, 30.000 ospiti e 30000 operatori che dovrebbero vedere chiusura della vaccinazione con la seconda dose a gennaio.

Vaccino Moderna

Il vaccino Moderna ha una fornitura molto più esigua, perché si parla di 100.000 vaccini a gennaio per poi andare a 600.000 vaccini a febbraio. Però c’è dato importante, il 29 di gennaio ci sarà la valutazione Ema per Astrazeneca. Se si apre il fronte Astrazeneca è verosimile che da noi si possa chiudere la partita vaccinale per giugno. Perché la fornitura sarà intorno a 91 milioni di dosi per il terzo trimestre, complessive di 3 vaccini. Nel frattempo c’è Johnson & Johnson. Noi arriveremo a primavera inoltrata dove avremo comunque vaccini molti più vaccini ha molta più quantità sul mercato”.

La collaborazione Governo e Regioni

“Questa mattina si è tenuta la riunione con il governo su dpcm. C’è una riduzione del periodo di chiusura dei confini regionali fino al 15 di febbraio, non più a marzo.

L’idea delle delle regioni è quella comunque che ci sia modo anche di fare dei tagliandi strada facendo. Perché non è che possiamo pensare che una ragione finisca in zona arancione e ci resti ad libitum. Abbiamo ascoltato il commissario Arcuri sul fronte di garantire un magazzino vaccinale prudenziale ad ogni regione, però oltre il quale non si conferiscono più vaccini”. Conclude così Luca Zaia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Disattiva AdBlock per sostenerci

Televenezia ogni giorno mette a disposizione informazioni e contenuti gratuiti. La libertà d'informazione deve essere sostenuta e Televenezia lo fa anche grazie ai banner pubblicitari. Sostienici e disattiva AdBlock