Servizi Cronaca

Tutto chiuso a Natale, attesa per il decreto. Parla Zaia

Zaia in conferenza stampa il primo dicembre riporta il bollettino record dei decessi e commenta le necessità per il prossimo periodo di vacanze

Nel giorno in cui il Veneto registra un altro tragico record di morti 107 sfumano le speranze di lavorare per chi vive in montagna. Si profilano invece restrizioni per il cenone e il veglione. “Nelle ultime 24 ore ci sono state 107 morti in Veneto: la giornata peggiore della seconda ondata”; questo è il bollettino presentato da Luca Zaia per aprire la conferenza stampa

Zaia sui ricoveri

«Siamo sempre nella parte alta della curva, la speranza è che sia una fase di stabilità destinata poi a scendere. Oggi abbiamo superato le 3mila persone ricoverate negli ospedali. Abbiamo un terzo dei positivi rispetto a marzo e abbiamo più ricoverati di marzo: il virus è meno presente di marzo ma il contagio è maggiore, questo significa che il distanziamento fra cittadini è più blando»

GUARDA ANCHE: Ulss4: ricoveri in aumento al Covid-hospital. Focolaio in casa di riposo

Dpcm, assembramenti e ristori

“Dobbiamo cambiare di colore per far abbassare la curva? Io spero di no: tutto dipende da noi. Gli assembramenti oggi sono il vero veicolo del virus”

“La casa si costruisce dalle fondamenta e non dal tetto, è inutile concentrarsi su piste da sci, teatro o cinema. Durante l’incontro ho detto ai ministri: se l’assembramento è il problema, bisogna normare l’assembramento, non la singola attività. È inutile che il gestore del cinema si trovi la sala vuota e la piazza piena. Ho chiesto che ci sia una norma che abbia una ricaduta perequativa” commenta Zaia.

L’altro tema che ho posto riguarda i ristori, che devono essere una certezza. Ho poi ricordato ai ministri che se si chiudono le piste da sci da noi si chiudano anche negli altri Paesi: il ministro Boccia dice che il premier sta lavorando perché tutti chiudano, staremo a vedere.

Si è poi discusso sulla questione di natura sociologica: a marzo eravamo tutti più disposti a rispettare le regole, oggi per alcuni il Covid è un problema solo di chi sta in ospedale, servono delle campagne informative. Non possiamo gestire questa emergenza a suon di Dpcm e ordinanze regionali. Con il governo ci sarà un nuovo incontro domani” conclude il governatore.

“Mi auguro che il Dpcm sia scritto a due mani, perché è centrale nella storia del Covid” dice Zaia sul nuovo decreto. “Deve essere di lunga gittata, fatto con i Governatori, e che sia di prospettiva. Qui c’è solo nero all’orizzonte, serve una prospettiva, altrimenti diventa un’epigrafe. Abbiamo 48 ore, se il Governo ci manda in serata una bozza di testo si inizia a lavorare. Ce l’hanno già i giornali, almeno ce lo diano anche a noi. Noi Regioni diamo solo un parere, ma vogliamo che sia positivo; e finora è sempre stato positivo”

Le festività

“Si parla tanto di “rinuncia” a Natale, ma si abbia rispetto verso quelli che a Natale lavoreranno negli ospedali. Non è un male che si faccia il Natale un po’ come una volta. Quel giorno ricordiamoci dei sanitari e delle persone malate»

Zaia commenta la categorizzazione di Zona

“Siamo in zona gialla perché i parametri nazionali dicono che siamo zona gialla. Sembra che la zona gialla sia più lassista delle altre, e invece le norme contro l’assembramento ci sono, come tutte le altre zone. Non è  che se uno va bene a scuola è colpa sua. L’esame ogni venerdì finora l’abbiamo passato. Ma non è che arrivano vacanze, e tu che eri il primo della classe non studi. La zona gialla prevede già restrizioni di base, tra cui il divieto di assembramento”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Disattiva AdBlock per sostenerci

Televenezia ogni giorno mette a disposizione informazioni e contenuti gratuiti. La libertà d'informazione deve essere sostenuta e Televenezia lo fa anche grazie ai banner pubblicitari. Sostienici e disattiva AdBlock