Servizi Cronaca

Zaia: seconda dose ai turisti per rilanciare il turismo in Veneto

Il governatore Zaia difende il servizio unico che il Veneto offre ai turisti: seconda dose per chiunque venga in vacanza nella regione.

L’aggiornamento riguardo al Covid. Oggi punta minima record di incidenza di contagi e dunque la regione sembra ormai avviata a diventare il 7 giugno, zona bianca. Il presidente Luca Zaia spiega perchè è ragionevole la sua proposta di inoculare la seconda dose ai turisti per consentire loro di venire in vacanza, dopo che il generale Francesco paolo Figliuolo ha detto no invitando tutti a tenere i piedi per terra

Il Bollettino

I dati di oggi riportano 333 casi in più di ieri, i totali positivi in questo momento sono 13.620 (meno 861 rispetto a ieri). I ricoveri in ospedale si attestano intorno ai 941 ricoverati, 18 in meno di ieri. In terapia intensiva il dato è di 113 ricoverati, meno 1 rispetto a ieri. I decessi sono 8.

Giornata record e primati in Italia

Abbiamo indubbiamente buoni dati. Abbiamo una giornata che segna un record e un’incidenza sotto l’1%: stiamo vaccinando e proseguiamo spediti.

“Qualcuno si è agitato per la storia delle vaccinazioni ai turisti, ma io continuo a dire che per noi il turista è sacro e la sacralità del turismo e del turista in Veneto è unica, siamo primi in Italia. Non immaginiamo un assalto alla diligenza: il turista non va in vacanza per la seconda dose, ma se dovesse servire, noi ci vogliamo essere e speriamo che a livello nazionale vengano spianate tutte le paturnie mentali relative a far la seconda dose.

È un servizio che diamo e che è unico, e solo noi possiamo darlo, dopodiché ci vogliono vaccini. Sia chiaro che se le forniture sono risicate è ovvio che il servizio non possiamo darlo. Ma che anche questo diventi oggetto di discorso internazionale mi sembra esagerato” ha detto il Governatore Luca Zaia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button