Servizi Cronaca

Zaia: ristoranti chiusi su basi scientifiche

Luca Zaia, Presidente Regione Veneto, spiega come le misure restrittive siano basate su dati scientifici e non sono campate in aria. Ascolta il servizio

Negli ultimi minuti è circolata sul web un’agenzia di stampa uscita a livello nazionale che ha creato un po’ di confusione. A margine della conferenza stampa dalla sede della protezione civile di Marghera, Luca Zaia ha specificato che non esiste alcuna ordinanza sulla chiusura della scuole in Veneto, che continuano a rimanere in presenza.

Il bollettino di oggi

I dati di oggi riportano 895 casi in più di ieri, i totali positivi in questo momento sono 22 332. Diminuiscono i ricoveri in ospedale, oggi sono 1379: di cui 1247 in area non critica, con una diminuzione di 8 persone. Mentre in terapia intensiva il dato è di 132 ricoverati, con una la diminuzione di 7 persone. I decessi sono 21.

Le dichiarazioni di Luca Zaia

“Ci confronteremo direttamente con il Governo sul Dpcm e non avremo decisioni last minute. Da quando c’è la facoltà di restringere a piacere, finisce che ognuno dice la sua. Le misure sono prese su basi scientifici. Noi però chiediamo di vedere se c’è qualche misura che si può allentare.

Non c’è solo il problema dei ristoranti, tante attività non hanno mai visto la luce in questo anno. Ad oggi non ci sono le proiezioni del CTS, non sappiamo se si potrà allentare o se si dovrà restringere ancora di più. Io come spiego ai ristoratori che a pranzo possono stare aperti ma alla sera no non conoscendone il motivo?”. Queste le parole di Luca Zaia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button